Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 13 Aprile |
Santa Teresa de los Andes
home iconChiesa
line break icon

Vaticano, uno stato di diritto

Corinne SIMON/CIRIC

Andrea Tornielli - Vatican Insider - pubblicato il 08/07/16

Il proscioglimento dei due giornalisti sfata le leggende nere e tanti commenti preoccupati per la libertà di stampa

La sentenza del processo «Vatileaks 2» emessa dal Tribunale vaticano rende evidente che nonostante le leggende nere sull’oscurantismo, Oltretevere vige uno stato di diritto e un codice penale garantista.I giornalisti Emiliano Fittipaldi e Gianluigi Nuzzi, autori dei due libri contenenti gli identici documenti sullo stato dell’amministrazione vaticana all’inizio del processo di riforma, vengono prosciolti per difetto di giurisdizione. E nella stessa sentenza si ricorda che la «libertà di manifestazione del pensiero e della libertà di stampa nell’ordinamento giuridico vaticano» è «garantita dal diritto divino». In questi mesi tanti dubbi sono stati legittimamente sollevati sull’opportunità di portare alla sbarra due cronisti. E tanti commentatori, più o meno autorevoli, hanno tuonato sulla libertà di stampa violata e prefigurato scenari tetri da Santa Inquisizione. Alla luce della sentenza, questi ultimi avrebbero potuto essere più prudenti.

Il processo è stato celebrato perché una legge del 2013, predisposta sulla scia del primo Vatileaks, aveva introdotto nuove tipologie di reato. I pm vaticani hanno tentato di accertare come è avvenuta la trasmissione delle carte e se ci sono state pressioni o ricatti. Il processo è stato rapido, e soprattutto, senza nulla di preconfezionato. Fittipaldi e Nuzzi sono stati prosciolti senza che si entrasse nel merito delle accuse. Il Tribunale vaticano, formato da giuristi e accademici di fama, si è dichiarato non competente su di loro. Le parti in causa sono state ampiamente ascoltate, il convincimento dei giudici si è formato in aula, non sulle carte del pm. Il finale non è stato quello richiesto dall’accusa.

È significativo che i giudici abbiano fatto cadere per tutti gli imputati l’ipotesi di reato di associazione a delinquere. È importante che sia stato pienamente assolto Nicola Maio, collaboratore di monsignor Vallejo Balda, evidentemente estraneo alla vicenda. Peccato che la stessa obiettività non sia stata messa in campo quattro anni fa durante il processo «Vatileaks 1» con un altro innocente, il tecnico informatico Claudio Sciarpelletti, condannato non si sa perché, ma oggi reintegrato nell’organigramma dei dipendenti vaticani.

I giudici non hanno infierito sul monsignore spagnolo, reo confesso, già segretario della Prefettura degli Affari economici, al quale Papa Francesco – sbagliando – aveva affidato la regia della commissione incaricata di vagliare lo stato dell’amministrazione vaticana. Clemenza è stata usata, in fondo, anche per la pr Francesca Chaouqui, incredibilmente catapultata in quella stessa commissione. Ha ripetuto come un mantra che sarebbe entrata nelle carceri vaticane (o italiane) insieme al figlio neonato. Non accadrà.

Papa Francesco, nel dare maggiore impulso al lavoro di riforma e di trasparenza iniziato dal predecessore, avrebbe forse meritato collaboratori più onesti, che condividessero quelle finalità, e non personaggi da spy story che avendo visto sfumare i loro progetti hanno usato la mole di documenti raccolti per combattere le loro personalissime battaglie interne.

Questo articolo è stato pubblicato nell’edizione odierna del quotidiano La Stampa

Tags:
giustiziavaticanovatileaks
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
2
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
3
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
4
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni