Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
News

Don Onmoke: “Il rapimento dei sacerdoti è un assalto alla Chiesa”

Vatican Insider - pubblicato il 08/07/16

L’agenzia Fides rende noto il ritrovamento dei resti di padre John Adeyi, rapito lo scorso aprile in Nigeria

La recente ondata di rapimenti di sacerdoti e religiosi è “un assalto alla Chiesa”, afferma don Sylvester Onmoke, neo eletto Presidente dell’Associazione dei preti diocesani della Nigeria (President of the Nigeria Catholic Diocesan Priests Association, NCDPA). Il caso più drammatico è quello di p. John Adeyi, Vicario Generale della diocesi di Otukpo, nello Stato nigeriano di Benue, rapito il 24

aprile, e i cui resti sono stati trovati due mesi dopo, il 22 giugno, nei pressi del complesso della Ogbadibo Local Government Education Authority a Otukpa, la sua città natale.

I suoi rapitori avevano chiesto un riscatto per liberare il sacerdote. Nonostante la famiglia del Vicario avesse consegnato la somma richiesta, il sacerdote non era stato liberato. Poi la tragica scoperta del suo corpo ormai in decomposizione.

Il 23 giugno è stato rapito p. Julius Gospel Inalegwu, nella sua parrocchia, la St. Joseph Catholic Church, Jitan – Dutse, nella Tudun Wada Local Government Council, nello Stato di Kano. Secondo Mons. John Namaza Niyiring, Vescovo di Kano, i suoi rapitori hanno chiesto un riscatto di 20 milioni di Naira (63.898,65 Euro).

La corruzione e la bramosia di denaro che affligge la società nigeriana continua ad essere una delle cause principali dei sequestri di sacerdoti, secondo don Onmoke. Il Presidente dell’Associazione dei preti nigeriani critica il cattivo esempio dato da politici e funzionari corrotti che, ostentando la loro ricchezza ottenuta illecitamente, spingono altri a cercare di ottenere denaro facilmente e con tutti i mezzi. A questo si aggiunge, secondo il sacerdote, la frustrazione diffusa tra la popolazione per la disoccupazione e per il mancato pagamento dei salari dei lavoratori.

Don Onmoke chiede al governo di garantire la sicurezza di tutti e di avviare politiche per affrontare i mali del Paese, invita poi i fedeli a pregare perché sacerdoti e religiosi siano protetti dalla minaccia dei rapimenti.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
chiesa perseguitatacristiani perseguitati
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni