Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

15 frasi da dire a vostro figlio quando ha paura ed è in preda all’ansia

Condividi
Prima o poi ogni bambino prova ansia e paura. È normale. Ci siamo passati tutti, che siano stati i fantomatici mostri sotto al letto a spaventarci, gli alieni alla finestra oppure il cane del vicino che di notte non smette di abbaiare.

A volte noi adulti potremmo considerare bizzarri i motivi del loro smarrimento, ma per i bambini anche dei piccoli timori possono risultare incontrollabili. Non tutti hanno paura delle stesse cose, e ciò che può spaventare un bambino potrebbe lasciare indifferente un altro bambino.

Una ricerca di KidsHealth ha provato a fare luce su ciò che spaventa di più i bambini. E diversi degli interpellati hanno dichiarato di essere suscettibili a cose alquanto originali. Rachel, di 11 anni, è una di loro. Ha una paura spropositata per qualcosa di molto concreto: le meduse giganti che vivono in alcune zone costiere dell’Australia. “Sono più grandi delle persone e i loro pungiglioni enormi possono uccidere qualcuno in 3 secondi” ha detto Rachel.

Ma la maggior parte dei bambini intervistati ha detto di aver paura del buio. Come l’11enne Tommy, che teme le tenebre “perché un ladro potrebbe entrare in casa”, o il piccolo William, che ha paura che streghe e lupi mannari possano intrufolarsi nella sua stanza. La ricerca ha mostrato che le paure più diffuse tra i bambini sono legate a determinati film (che non dovrebbero vedere), a incubi, ad eventi atmosferici (temporali, uragani, terremoti), alle notizie di guerra e terrorismo del telegiornale (lettura consigliata: “Come spiegare il terrorismo ai bambini“) e ai suoni che ascoltano di notte.

Pregare per i bambini e con i bambini (leggete queste 27 potentissime preghiere da recitare con loro) è sicuramente un ottimo modo di affrontare il problema. È inoltre fondamentale fornire quante più informazioni possibile sulla causa delle paure. Crescendo, i bambini comprenderanno che è importante esercitare una netta distinzione tra ciò che è reale e ciò che non lo è. William capirà che è la sua immaginazione a creare la paura verso streghe e lupi mannari, e potrà dire a se stesso: “Un momento, non esiste niente di tutto ciò! Non ha senso preoccuparmi di loro!”

“E quando le paure hanno a che fare con qualcosa di concreto?”, potreste chiedervi. In questo caso dovete assicurarvi di fare tutto ciò che potete per evitare il pericolo. Se il vostro piccolo ha paura dei ladri, chiudete la porta a chiave prima di andare a dormire, e fatelo insieme a lui. Si sentirà ancora più sicuro. E se invece vostra figlia ha paura, come Rachel, delle meduse giganti o di qualche altro animale pericoloso, ditele che sebbene faccia bene a essere accorta e scaltra nel voler evitare i pericoli, non è necessario vivere nel terrore. Le meduse vivono nell’oceano, e lì resteranno.

Se non siamo noi ad aiutarli a gestire adeguatamente le proprie paure, queste condizioneranno il loro comportamento, i loro sentimenti e il loro modo di pensare, rischiando di svilupparsi un giorno in delle vere e proprie fobie.

È importante far sentire i bambini al sicuro, tranquillizzarli, mostrare loro comprensione e disponibilità. Una cosa che non dovete assolutamente fare in questi casi è prendere alla leggera le loro paure.


LEGGI ANCHE: Le sette frasi da non dire ai tuoi figli


L’idea che degli alieni viaggino milioni di km affrontando meteoriti e buchi neri soltanto per rapire il nostro cucciolo (e poi percorrere la strada al contrario verso la loro base) potrebbe farci sorridere. Ma, evidentemente, non fa sorridere nostro figlio. Non dobbiamo riderci sopra, né trattarla come una sciocchezza.

Abbiamo pensato ad alcune frasi (ispirati da questo articolo di BrightSide) che potreste dire loro per aiutarli ad affrontare il problema in modo sano e costruttivo:

1. “Puoi disegnarlo?”

Le attività creative (e in particolar modo il disegno) aiutano i bambini a spiegare le proprie paure quando non riescono a usare le parole, e li portano a scaricare la tensione.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni