Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Lettera a chi non ha invitato mio figlio alla sua festa perché è Down

Facebook-jennifer.kissengele
Condividi

“Le persone con la sindrome di Down vogliono le stesse cose che vogliamo io e lei”

Mi dispiace che non sappia cosa significhi che ha la sindrome di Down ­ o forse ha paura, o si sente insicuro. So che se sapesse di più della sindrome di Down non avrebbe preso questa decisione.

Non sono arrabbiata con lei. Piuttosto, credo che sia un’opportunità per poter conoscere meglio mio figlio. Avere la sindrome di Down non significa non voler avere amici. Non vuol dire non avere sentimenti. Non significa che non gli piaccia andare alle feste di compleanno.

Le persone con la sindrome di Down vogliono le stesse cose che vogliamo io e lei. Vogliono avere rapporti stretti, vogliono sentire l’amore di Dio, vogliono contribuire, vogliono avere una vita piena di senso, e vogliono andare alle feste di compleanno”.

 

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE: Annalisa Sereni, 7 figli, l’ultimo con sindrome di down… il più amato

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni