Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconStile di vita
line break icon

Film apostolico raccomandato: L’attimo fuggente

Catholic Link - pubblicato il 06/07/16

Il ritmo della camminata dei tre spinge gli altri alunni ad applaudire a tempo di marcia. E proprio in quel momento il professore prende la parola: “Non li ho fatti marciare per deriderli, li ho fatti marciare per illustrare la questione del conformismo: la difficoltà di mantenere le proprie convinzioni di fronte agli altri. Alcuni di voi hanno l’aria di pensare: ‘Ah, io avrei marciato diversamente’, allora chiedetevi perché battevate le mani. Ci teniamo tutti ad essere accettati, ma dovete credere che i vostri pensieri siano unici e vostri. Anche se agli altri sembrano strani e impopolari, anche se vi dicono: ‘Non è beeeh–llo!’ “.

Oggi è molto difficile mantenere le proprie convinzioni. Viviamo in una società che ci spinge ad accettare cose che non condividiamo, che non consideriamo corrette. Ed è allora che dobbiamo difendere la nostra posizione, anche se “strana e impopolare”. Essere cristiani significa, molto spesso, essere motivo di scandalo.  «Ad un certo punto due sentieri si aprivano sulla mia via, ho preso quello meno battuto e questo ha fatto la differenza», dice il professor Keating citando Robert Frost.

«E voi, giovani, siate i primi: Andate controcorrente e abbiate questa fierezza di andare proprio controcorrente. Avanti, siate coraggiosi e andate controcorrente! E siate fieri di farlo!» (Papa Francesco).


3. Succhiare il midollo della vita non vuol dire doversi strozzarsi con l’osso

sociedad

Dopo aver dato alcune lezioni di vita, Keating avverte i giovani che cogliere l’attimo non significa fare tutto ciò che ci pare. “Ci avete detto voi che dobbiamo succhiare il midollo della vita”, si lamenta un alunno. “Sì, ma questo non significa che dovete strozzarvi con l’osso”, risponde il professore. Nella vita bisogna sapere quando (e dove) fare ogni cosa. Tirar fuori il succo della vita vuol dire dare un senso alle proprie azioni, dare il meglio di sé ed essere autentici.

Ad un certo punto il personaggio di Williams dice: «Se la storia dell’umanità fosse una poesia, quale sarebbe il tuo verso?». Noi possiamo chiederci: cosa dirà di me la Storia? Qual è stato il mio contributo alla storia dell’umanità? «Ma io dal mio posto non posso fare nulla, non sono nessuno», potresti ribattere. Ma è il professor Keating a rispondere al posto mio: «Le parole e le idee possono cambiare il mondo». Forse non proprio tutto il mondo, ma sicuramente il mondo di chi ti circonda o il tuo stesso mondo. Ognuno ha il proprio modo di contribuire alla grande poesia dell’umanità, non mi sembra giusto tenerselo per sé. «Posso però pensare a me stesso?», chiede uno degli alunni del Welton al suo compagno. «No!» Gli risponde l’amico. Non siamo fatti solo per noi stessi. Siamo fatti anche per gli altri.

Ma non dobbiamo dimenticarci che, mentre lottiamo per questi sogni e per questi ideali, può subentrare la frustrazione. Voglio dire che le cose non sempre vanno come vorremmo o come le abbiamo sognate. Dobbiamo essere pronti al fallimento. Attenzione! Questo fallimento non vuol dire che tutto è perduto e che non c’è speranza, c’è sempre una soluzione. Questa è stata la lezione che Neil, uno dei personaggi del film, non è riuscito a imparare. Come ha detto bene il professore: «C’è un tempo per il coraggio e un tempo per la cautela, e il vero uomo sa come distinguerli».

[Traduzione dallo spagnolo di Valerio Evangelista]

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

  • 1
  • 2
Tags:
conformismorobin williams

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
5
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni