Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

4 ragioni per invocare e venerare il nostro angelo custode

Public domain
http://pixabay.com/en/statue-sculpture-bronze-angel-265421/
Condividi

Dalla "convenienza" ai doveri nei loro confronti, dalla venerazione di Dio al culto della Chiesa primitiva

Vi è mai capitato di chiedere aiuto o venerare il vostro angelo custode? Se non lo avete mai fatto, vi consigliamo di farlo per almeno quattro ragioni. Che ci illustra don Marcello Stanzione nel “Breviario angelico” (Mimep Docete editore).

«Il culto che in quanto noi cristiani cattolici rivolgiamo ai santi angeli di Dio è quello della “dulia” – premette Don Marcello – ovvero un culto fatto di rispetto e di onore, senza adorazione che è quello di “latria” che si rivolge unicamente alla santissima Trinità, invece il culto agli spiriti celesti è simile in tutto e per tutto al culto dovuto alla Madonna e ai santi canonizzati in gloria».

Vediamo allora perche’ si invoca e si venera un angelo custode.

1) RAGIONI DI CONVENIENZA

«Se, diceva il grande scrittore di spiritualità del diciannovesimo secolo Boudon, durante il cammino incontriamo cento volte un gran signore o un amico, non mancheremo ogni volta di presentar loro i nostri ossequi; e non dovremmo avere il medesimo riguardo per i principi del Cielo, i nostri amici più veri?».

«Quando due persone sono nemiche», diceva il vescovo Bossuet, «i loro santi angeli sono amici e concorrono a riavvicinarle».

«Gli angeli custodi dei vostri amici», scrive a sua volta l’arcidiacono di Evreux Boudon, «vi favoriscono negli incontri e vi aiutano ben più di quanto voi pensiate, e talvolta vi prestano soccorsi che non ricevete dai vostri stessi angeli custodi».

Peraltro, ricordiamoci cosa sono i santi angeli rispetto all’Altissimo, ciò che sono in sé e il ruolo che è loro assegnato nel mondo, e capiremo come siamo degni della massima venerazione.

2) VENERAZIONE DEFINITA DA DIO

La venerazione degli angeli custodi è stata definita con chiarezza da Dio stesso, quando ha detto al popolo di Israele che avrebbe mandato loro il suo angelo, ammonendoli a rispettarlo e a dargli tutta la dovuta considerazione. Conformandosi al desiderio dell’Altissimo, i santi patriarchi dell’Antico Testamento veneravano e invocavano gli angeli.

Giacobbe chiede la benedizione dell’angelo contro cui si è battuto; Balaam si prosterna di fronte a quello che gli è apparso; Giacobbe, ancora, saluta rispettosamente colui che si definisce “il principe degli eserciti del Signore” e gli obbedisce…

3) UNA PRATICA DELLE ORIGINI

Si invoca l’angelo custode perché è una pratica plurisecolare della Chiesa: il capitolo XVII della Gerarchia celeste ci offre uno scorcio di quello che fu il culto degli angeli attraverso i secoli cristiani. Si possono trarre da esso alcuni dati interessanti.

Gesù e i suoi discepoli, ripetendo i cantici ispirati dallo Spirito Santo al Re Profeta, ci insegnano a rispettare e a onorare le virtù celesti che così spesso, e con tanto entusiasmo, sono citate in questi cantici.

La Chiesa invoca le stesse virtù ogni volta che nei santuari si intonano i salmi o i cantici con cui si chiede agli spiriti di Dio di lodarLo o di benedirci.

Gli angeli vengono nominati spesso nella Santa Messa, nelle parti in cui la Chiesa professa i dogmi più trascendenti.

Leone XIII ci fornisce l’esempio della devozione e della fiducia, dando ordine che in ogni chiesa si reciti, al termine della messa, un’invocazione a san Michele Arcangelo.

Giovanni Paolo II si reca in pellegrinaggio in tutti i più importanti santuari Michaelici. Il papa polacco esorta i cattolici a continuare a recitare dopo la Messa la preghiera a san Michele composta da papa Leone XIII.

4) PERCHE’ ABBIAMO DEI DOVERI NEI LORO CONFRONTI

Si invocano gli angeli custodi anche per i doveri che abbiamo nei loro confronti. Tali doveri sono così riassunti da san Bernardo: “Dio vi ha affidati a uno dei suoi angeli; quanto rispetto questa parola devi ispirarvi, quanta devozione suscitarvi, quanta fiducia infondervi! Rispetto per la sua presenza, amore e riconoscenza per le sue opere buone, fiducia nella sua protezione”.

Questi sentimenti, e altri, saranno oggetto del culto interiore che si deve ai santi angeli.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.