Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Margheria-Maria Alacoque
Aleteia logo
home iconStile di vita
line break icon

7 cose da ricordare quando sembra impossibile perdonare

shutterstock

Catholic Link - pubblicato il 05/07/16

4. Perché il perdono ci sembra ingiusto

forgiveness
stocksnap.io

Anche dopo aver capito cosa è e cosa non è il perdono, continua a sembrare così ingiusto! Ci appare in questo modo perché ciò comporta che noi, i feriti, dobbiamo fare il primo passo, un atto di compassione. Quando subiamo un torto, la persona che stiamo tentando di perdonare potrebbe non capire che li stiamo perdonando, il che rende ancora peggiore la prospettiva: a che serve perdonare se la persona nemmeno sa quanto dolore ci ha provocato in principio?!

Ma visto in maniera razionale, è ovvio che trattenendoci dal perdonare non puniamo l’altra persona, nonostante i nostri migliori sforzi. Semplicemente ci sfianca.

Ciò che non capiamo è che spesso il perdono ha poco a che fare con la persona che ci ha feriti e molto con noi stessi. Il perdono è una sorta di medicina di Dio. Ci guarisce. Quando siamo in grado di perdonare, in realtà liberiamo noi stessi dalla prigione del dolore e della sofferenza nella quale l’altra persona ci ha messi.


LEGGI ANCHE: Papa Francesco: “la giustizia di Dio è il suo perdono”


5. Tutti soffriamo, in qualche modo

forgiveness
Elizabeth Haslam/flickr

Tutti stiamo soffrendo, tutti siamo feriti e tutti feriamo le altre persone. Perciò qualcuno deve fare un passo avanti e fermare il circolo della sofferenza. Il perdono parla dritto al cuore dell’altra persona e per farlo sono necessari coraggio e compassione. Vuol dire: “So che non sei stato assolutamente all’altezza del bellissimo piano che Dio ha in serbo per te, ma vale lo stesso per me in tanti modi. Non voglio che tu stia in quel luogo di tenebra per sempre. Quali circostanze o oscurità ti hanno portato a fare ciò a me? Voglio qualcosa di meglio anche per te”.


6. Sii abbastanza coraggioso da raccontare un’altra storia

courage happy skiline
shutterstock

Una volta un mio amico visitò Auschwitz. Raccontò che vide che all’esterno di uno degli edifici, in una piccola alcova nel muro, qualcuno aveva messo una candela illuminata. Era una cosa piccola ma molto potente. Un atto d’amore in uno dei posti più bui della terra, che ci racconta che le tenebre non hanno avuto l’ultima parola. Perdonare richiede che ci innalziamo al di sopra della situazione e che con coraggio raccontiamo un’altra storia. Il perdono è dire: “So che ciò che è successo è sbagliato, ma io non ne sarò parte. Non entrerò nel circolo della sofferenza permettendo che esso continui. Al contrario, metterò in questo luogo d’odio un atto d’amore. È l’unico modo per rompere il circolo dell’odio. È l’unica cosa che da questa situazione poterà vita e qualcosa di nuovo”.


7. La parola finale è la grazia di Dio

7089358311_af9bc9f521_z
Tiffany Scantlebury

Qualche volta il perdono può giungere in un momento, in altri casi è il frutto di un lungo lavoro, aiutato da nuove esperienze e dall’amicizia. L’anima si muove lentamente seguendo il suo ritmo verso la guarigione e la completezza. Dio opera con noi su questa cosa affinché non ci limitiamo a dimenticare e basta. Se hai subito un torto molto grande, se una parte preziosa di te è stata portata via da qualcun altro, se per te perdonare è impossibile, rivolgiti verso Colui che può mettere più che la Sua mano sulle tue. Chiedigli di perdonare attraverso di te, così che il tuo dolore e la tua sofferenza possano essere guariti e tu possa essere libero di andare a donare vita agli altri. Prega per le persone che ti hanno ferito, o almeno prega per chiedere di voler pregare per loro. L’atto definitivo della compassione e del perdono è Cristo sulla croce. Lì, Lui ha sofferto con noi (che è il significato letterale della compassione) e lì il dono dell’aver deposto la Sua vita ci dona nuova vita. Ha pagato il prezzo della morte e la Sua resurrezione ci mostra che la morte non è mai e poi mai la fine. L’atto del perdono cambia le nostre vite e ci dona speranza. Il perdono non è un sentimento. È un’azione.

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

  • 1
  • 2
Tags:
amoregiustiziagraziaodioperdonosofferenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni