Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“La mia droga più grande è stata la menzogna”

Condividi

Un giovane adottato, una doppia vita e un cambio liberatorio con la Comunità del Cenacolo

Gregory Aguado è nato a Madrid. Non aveva padre e la madre era molto malata, quindi ha avuto un’infanzia difficile ed è cresciuto dandosi la colpa di tutti i problemi.

Sua madre è morta quando lui aveva 9 anni, ed è stato affidato alla famiglia di un amico. Tempo dopo ha dovuto abbandonare questa famiglia, e a 13 anni è stato accolto da un’altra famiglia a Valencia.

Lì ha scoperto qualcosa di nuovo: Dio. La famiglia che lo accoglieva andava a Messa ogni giorno, pregava… Per Gregory era tutto nuovo.

A 16 anni ha iniziato a condurre una doppia vita: in casa era buono e religioso, con gli amici completamente diverso.

“La mia droga più grande è stata la menzogna”, riconosce oggi. Quello che non gli piaceva di se stesso era messo a tacere con una menzogna. Si è costruito un’identità ideale, ma falsa.

Alla fine i suoi genitori hanno preso “la decisione giusta”, ha spiegato: lo hanno cacciato di casa ed è andato a vivere in strada, arrivando a pensare seriamente al suicidio.

Dio, però, lo ha ascoltato e gli ha mandato l’aiuto di cui aveva bisogno, anche se in quel momento non lo sapeva.

La Comunità del Cenacolo, che si dedica ad accogliere giovani disperati, lo ha restituito a Dio.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
menzogna
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni