Aleteia
mercoledì 30 Settembre |
San Girolamo
News

La fabbrica dei bambini: prenotati, progettati e selezionati a misura del committente

Pixabay.com/Public Domain/ © regina_zulauf

Silvia Lucchetti | Aleteia | Tue Jul 05 2016

Una riflessione sulla puntata "Jodie Marsh: il donatore di seme" in merito alla maternità ad ogni costo e al giro d'affari milionario ad essa correlato

Nella puntata “Jodie Marsh: il donatore di seme” andata in onda il 19 maggio scorso su Real Time, la neosposa, modella ed ex body builder Jodie Marsh indaga il tema della maternità “ad ogni costo”, e il relativo giro d’affari milionario, concentrandosi sugli estremi limiti ai quali giungono alcune persone alla ricerca ossessiva di procreare, o comunque diventare in qualche modo “genitori”. La puntata dello show si caratterizza per la finzione di scandalizzata sorpresa che la conduttrice “interpreta” con dissimulata abilità, la disinvolta spettacolarizzazione di una tematica così delicata trattata come un argomento glamour fino a rasentare il gossip, l’enfatizzazione dell’enorme business economico che gira intorno al mercato della fertilità “a richiesta” di chi può pagare profumatamente.

Lo show ad ogni costo

La puntata inizia con la modella trentaseienne che si reca a fare delle analisi in una clinica della fertilità in Inghilterra per capire se potrà in futuro diventare mamma. Il primo messaggio che viene lanciato, dopo poco più di due minuti di video, è l’estrema importanza che assume per le donne la prospettiva di congelare i propri ovuli intorno ai trent’anni. Il motivo? Visto che nel mondo di oggi esse per realizzarsi nella professione si concentrano sulla carriera rinviando sine die il progetto di avere un figlio, invece che invitarle a riflettere sulla loro realizzazione complessiva come donne, l’imperativo è quello di congelare i propri ovuli. Quindi il messaggio non è quello di ricercare in tempi fisiologici la gravidanza, ma di congelare la parte di sé destinata alla riproduzione e “congelarsi” come donne intrinsecamente feconde, per poi mettere al mondo un figlio quando decideranno che è ora, una volta raggiunto lo status socio-economico e professionale desiderato.

LEGGI ANCHE:Maternità surrogata: la nuova schiavitù

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
maternità surrogatareality showutero in affitto
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
Gelsomino Del Guercio
Parla il sacerdote che ha vinto 35mila euro a...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Oleada Joven
Lettera di Gesù a te: dalla mia croce alla tu...
LUXOR FILM FESTIVAL
Zoe Romanowsky
Un filmato potente di appena un minuto sul ma...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni