Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 30 Novembre |
Sant'Andrea
home iconCultura
line break icon

Quando la Terra era piatta: una mappa dell'universo in base all'Antico Testamento

Daniel R. Esparza - pubblicato il 04/07/16

La cosmologia ebraica, come la conosciamo a partire dai testi dell'Antico Testamento, è piena di sottigliezze che a volte passano inosservate

Per la cosmologia ebraica dell’Antico Testamento, in generale il mondo in cui viviamo era un disco relativamente piatto coperto da una cupola, un po’ come un portatorte (chiedo scusa per il paragone).

Sotto questo disco si trovavano lo Sheol (il luogo dei morti, non necessariamento l’inferno, più vicino a come i greci intendevano l’Ade – submondo) e le cosiddette “acque profonde”. Fuori dalla cupola c’era altra acqua (le cosiddette “acque superiori”), e al di sopra di questa gli “alti cieli”, o “cieli dei cieli”, dove abitava Dio.

antigua-cosmologia-hebrea

L’idea che il cielo sia un’enorme cupola solida non era esclusiva della cosmogonia ebraica. In realtà, non è errato dire che fino a un certo punto era patrimonio comune dei popoli antichi. Ad esempio, la nozione più comune in relazione alla questione, come tra greci e romani, era supporre che il cielo fosse una grande cupola di vetro in cui le “stelle fisse” erano legate, anche se alcune variabili indicavano che la cupola non era di vetro ma di ferro o di bronzo. Il fatto che gli ebrei abbiano mantenuto idee simili a quelle dei loro vicini mediterranei si può constatare chiaramente in vari passaggi biblici. Ad esempio, nel libro di Giobbe (37, 18) si legge: “Hai tu forse disteso con lui il firmamento, solido come specchio di metallo fuso?

Il “firmamento” era considerato lo spazio di separazione tra le “acque superiori” e le “acque inferiori”. La cupola della terra era considerata poggiata su pilastri, chiamati “basi” o “fondamenta della terra”.

Nella cupola c’è una serie di finestre, aperture o porte da cui cade la pioggia (ovvero le acque superiori). L’esempio più famoso dell’apertura di queste porte è naturalmente il diluvio di Noè, riferito nel libro della Genesi.

Nelle profondità della terra c’era poi lo Sheol. In generale, si suppone che la parola “Sheol” derivi da un termine ebraico che significa “sommerso” o “vuoto”. Di conseguenza, si presume che lo Sheol fosse una caverna o un luogo sotto terra. Nella Septuaginta (la versione greca dell’Antico Testamento) venne tradotto come Ade, nella Vulgata come Infernus. La parola “Sheol” è comunque usata in un senso molto generale, per riferirsi, nell’escatologia dell’Antico Testamento, al regno dei morti, sia buoni (Genesi 37, 35) che cattivi (Numeri 16, 30).

In un certo senso, lo Sheol può essere inteso sia come “inferno” che come “limbo”, dove riposavano i giusti prima della morte e resurrezione di Cristo, ma visto che questo limbo dei giusti scompare dopo la discesa di Cristo agli inferi, nel Nuovo Testamento lo Sheol viene sempre citato in riferimento all’inferno dei condannati. Come la maggior parte dei concetti e delle nozioni bibliche collegate all’escatologia e alla cosmogonia, è comunque aperto il dibattito sull’interpretazione di questi passi.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
antico testamentocreazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Philip Kosloski
A cosa somiglia davvero il Paradiso secondo s...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni