Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Fidanzamento tra adolescenti… vietarlo, accettarlo, controllarlo, che fare?

MadalinIonut
Condividi

Alcuni genitori entrano nel panico quando si rendono conto che i loro figli di dodici o tredici anni hanno già un rapporto sentimentale

Le generazioni di oggi sono senza dubbio più precoci di quelle che le hanno precedute. E questo è vero anche e soprattutto in merito ai “fidanzamenti” giovanili. Una realtà alla quale né genitori né figli sono preparati. Cosa fare in queste situazioni?

Uno sguardo a ciò che ci circonda

Ci sono fenomeni che accelerano alcuni processi naturali, che dovrebbero essere vissuti gradualmente, in base alla fase della vita della persona. Spesso hanno a che fare con il progresso della tecnologia e dei mezzi di comunicazione, che avanza a un ritmo sempre più vertiginoso, diventando fuori controllo. A questo bisogna aggiungere il costante bombardamento mediatico a cui vengono sottoposti gli adolescenti, che finiscono con l’ispirarsi a “modelli” poco adatti alla loro formazione etica (soprattutto in un’età in cui il proprio giudizio è ancora in via di formazione). Sono infatti molti i giovani disorientati e confusi che cedono a queste pressioni.

Alla situazione contribuiscono anche altre realtà, tra cui la solitudine dei bambini e dei ragazzi, il disgregamento delle famiglie, il poco tempo trascorso tra genitori e figli, la mancanza di regole…

E così, oltre a riconoscere l’esistenza di determinate situazioni nella nostra società – impossibili da evitare – la migliore alternativa è quella di fare di tutto affinché i nostri figli affrontino il mondo con una volontà ferrea, con un sistema valoriale solido, con il rispetto verso l’autorità e con una famiglia che lo tratti con amore, comprensione, ascolto e supporto.

“Fidanzamento” adolescenziale?

L’adolescenza è una tappa di intensi cambiamenti corporei, emotivi ed intellettuali. È una perenne montagna russa di emozioni e sentimenti, ecco il perché di alcune manifestazioni aggressive o emotive. Gli ormoni diventano irrequieti e i giovani iniziano a vivere sensazioni che non avevano mai provato prima. Come ad esempio l’attrazione sessuale.

Con questo presupposto, potremmo dire che quello che viene vissuto in questa fase non è un fidanzamento vero e proprio; è piuttosto uno stato di “innamoramento” che si limita all’attrazione fisica, che può essere facilmente confusa con il vero amore e può portare a conseguenze irreversibili nella vita degli adolescenti.

Il fidanzamento vero è quella relazione tra un uomo e una donna in cui il vincolo d’amore li porta a vivere un periodo di maturazione prima di culminare nell’obiettivo principale: il matrimonio. Parlare a quindici anni di qualcosa di così vincolante – quale è l’impegno coniugale – è qualcosa di totalmente fuori luogo.

“Le relazioni tra ragazzini tendono a essere molto instabili e risentono dell’inesperienza tipica della giovinezza. Influiscono anche terze persone, che giudicano, fanno pressione, vietano, ecc… In genere i fidanzamenti adolescenziali non durano, proprio per l’instabilità fisica ed emotiva dei ragazzi stessi, che spesso rende insostenibili i rapporti (…) L’inconveniente dell’adolescenza è di non sapere ciò che si vuole, ma desiderarlo ad ogni costo, qui ed ora, senza curarsi del tempo e delle circostanze”. Così scrive Francisco Gras, autore di Micumbre.com, nell’articolo “Il fidanzamento spiegato ai figli adolescenti”.


LEGGI ANCHE: Astinenza sessuale nel fidanzamento: 10 motivi per praticarla


Vietare, accettare, controllare… che fare?

Alcuni genitori entrano nel panico quando si rendono conto che i suoi figli di dodici o tredici anni hanno già un rapporto sentimentale. Altri invece reagiscono aggressivamente, arrivando addirittura all’adozione di misure estreme come proibire che la relazione vada avanti o infliggere punizioni eccessive. Altri genitori ancora preferiscono lasciare tempo al tempo e decidono di ignorare totalmente ciò che succede ai loro figli. Ah… ovviamente non mancano coloro che assecondano o approvano questi fidanzamenti prematuri.

Nessuno di questi è il modo migliore con cui affrontare situazioni del genere. Quando i genitori decidono di vietare senza dare motivazioni, si produce l’effetto contrario: il rapporto diventa ancora più attraente e si dà spazio al presentarsi di episodi di ribellione o sfiducia nei confronti dell’autorità paterna. Né tantomeno il castigo può essere una soluzione, perché il problema non è innamorarsi, bensì l’assenza di condizioni in cui l’innamoramento deve svilupparsi. Chi fa finta di niente causerà un danno uguale a chi decide di punire i propri figli innamorati, e approvare questo tipo di relazioni vuol dire voler essere amici e non genitori dei propri figli, che hanno bisogno di qualcuno che dia loro suggerimenti adeguati da una prospettiva responsabile e matura.

I genitori devono insegnare ai figli come dominare impulsi e desideri, aiutandoli a rafforzare la propria volontà, a comprendere le conseguenze di ogni azione, a considerare il proprio corpo come al tesoro più prezioso, a rispettare l’integrità dell’altra persona, a incoraggiare la sua autostima, a saper affrontare le pressioni esterne (amici, pubblicità, film, musica, ecc.). Bisogna inoltre spiegare loro che ogni cosa ha un suo tempo e che si deve vivere ogni fase della propria vita in modo adeguato, senza bruciare le tappe.

Ecco perché i genitori devono trovare nel dialogo il loro miglior alleato. Bisogna parlare di queste cose con i figli, con naturalezza e talvolta anche anticipando le loro domande (evitando quindi che loro cerchino informazioni altrove, ottenendo spesso informazioni errate). E attraverso queste chiacchierate avvertire loro dei pericoli che comportano rapporti prematuri ed esperienze sessuali precoci: gravidanze indesiderate, difficoltà di realizzarsi professionalmente, potenziali malattie che compromettono i sogni di entrambi, la materializzazione del corpo, promiscuità, ecc.

I genitori devono inoltre usare l’autorità che hanno per stabilire in casa regole chiare, solide e ragionevoli su come i figli devono comportarsi sul piano relazionale. Ma è fondamentale che tutto questo venga detto ai figli con affetto. Devono sentirsi compresi, sostenuti, amati e accettati.

Concludiamo con le parole di Francisco Gras: “La responsabilità dei genitori nell’educazione dei figli non è trasferibile, né negoziabile. I figli sono vittime del silenzio dei genitori, ma restano responsabili delle loro azioni. Anche in merito ai rapporti con l’altro sesso e ai pericoli che questi possono portare”.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.