Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Bernadette Soubirous
home iconvaticano notizie
line break icon

Monsignor Pozzo: niente battute d’arresto, il dialogo con i Lefebvriani prosegue

Vatican Insider - pubblicato il 01/07/16

Intanto, «nulla di nuovo rispetto alle posizioni note della Fraternità San Pio X circa la situazione della Chiesa oggi». Peraltro, «quando si fa riferimento alla mancanza di riconoscimento canonico da parte della Santa Sede, che non è la cosa che in questo momento considerano, posso dire che è condizione essenziale perché un’opera cattolica sia nella piena comunione ecclesiastica; non è un fatto notarile, è condizione essenziale!». Parola di monsignor Guido Pozzo, segretario della Pontificia Commissione Ecclesia Dei, che a Radio Vaticana parla del comunicato dei Lefebvriani pubblicato il 29 giugno. 

Per il Presule quella dichiarazione non è «una battuta d’arresto del dialogo: dal comunicato stampa sembra che non si entri nel merito della questioni concrete che sono oggetto di esame nel dialogo e nel confronto tra la Pontificia Commissione Ecclesia Dei e la Fraternità San Pio X. Quindi il dialogo e il confronto su tali questioni concrete dovranno proseguire». 

La comunicazione della Fraternità «dice nulla di nuovo rispetto alle posizioni note e ben conosciute dei Lefebvriani circa la situazione della Chiesa oggi». Tuttavia Pozzo aggiunge che «quando si fa riferimento alla mancanza di riconoscimento canonico, che non è la cosa che in questo momento considerano, posso dire che il riconoscimento canonico da parte della Santa Sede è condizione essenziale perché un’opera cattolica sia nella piena comunione ecclesiastica, conforme al diritto. Non c’è il riconoscimento canonico, stiamo lavorando perché avvenga: ma il riconoscimento canonico – precisa – non è un fatto notarile, è condizione essenziale!». 

Sulla conversazione tra papa Francesco e il superiore della Fraternità, monsignor Bernard Fellay, Pozzo spiega che «non ci sono scadenze precise. Gli incontri avvengono tra noi della Commissione Ecclesia Dei o i nostri delegati e i rappresentanti della Fraternità San Pio X. C’è stato, però, questo incontro importante: un’udienza privata con il Santo Padre, in cui Fellay ha potuto esporre il suo punto di vista al Santo Padre. È stato un incontro molto cordiale e certamente rientra nel cammino di dialogo e soprattutto di fiducia reciproca che stiamo costruendo insieme». Pertanto, il Prelato non esclude «che ci saranno altri incontri, ma non è che questi siano già programmati». 

Come Benedetto XVI, papa Francesco «ha a cuore l’unità della Chiesa e tutto ciò che può favorire l’unità della Chiesa. Lui è sempre molto disponibile, proprio come habitus mentale a questo. E questo credo sia stato anche recepito da Fellay». Tuttavia, Pozzo riconosce che «ci sono ancora dei problemi da risolvere, da affrontare, da esaminare». 

Dalla Santa Sede verso i Lefebvriani, ci sono apertura e fermezza: «La fermezza è su ciò che è essenziale per essere cattolici. Da questo punto di vista non c’è alcun cambiamento!»; ma ora «si tratta soltanto di affrontare i problemi concreti e cercare di risolverli e di risolverli insieme. L’apertura è in questo senso: nel senso che abbiamo individuato le questioni da affrontare e le stiamo affrontando. Ci vorrà naturalmente del tempo, ma bisogna – sottolinea – che ci sia questa disponibilità reciproca». 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni