Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 18 Ottobre |
San Luca
Aleteia logo
home iconStile di vita
line break icon

La toccante lettera di un’insegnante a Messi sul non arrendersi

Argentina's Lionel Messi waits to receive the second place medal during the Copa America Centenario awards ceremony in East Rutherford, New Jersey, United States, on June 26, 2016. / AFP PHOTO / Nicholas Kamm

Pablo Cesio - pubblicato il 30/06/16

Per quanto possa mettere amore e dedizione nel mio lavoro, non avrò mai agli occhi dei miei allievi il fascino meraviglioso che ha qualcuno come te. E oggi vedranno il loro più grande idolo arrendersi. Ti chiedo di non dare soddisfazione ai mediocri, a quelle persone che, frustrate per le loro migliaia di mete non raggiunte, riversano il proprio rancore su un giocatore di calcio, a quelli che criticano tutto e tutti perché è facile e gratuito. E te lo dice una maestra che, con lo spazio abissale che ci separa, affronta il frivolo costume argentino di credere che il lavoro altrui sia semplice, che fare gol in una porta sia facile come costruire una casa o formare il futuro di una persona. Quella necessità malata di suonare sempre a orecchio, di ergerci a giudici insensati che emettono sentenze con disprezzo e arroganza sull’operato altrui, valorizzando solo le vittorie e ritenendo gli errori insuccessi, quegli stessi errori che ci rendono esseri umani in una fase di continuo apprendimento. Per favore non rinunciare. Non far credere loro che in questo Paese conta solo vincere ed essere primi. Non mostrare loro che per quanti successi si possano raccogliere nella vita non ti conformerai mai agli altri, e peggio ancora non far sentire loro che devono vivere per conformarsi agli altri. Non mandare loro questo messaggio sbagliato nonostante tante avversità superate, anche se hai lottato fin da molto piccolo per diventare l’uomo trionfatore di oggi, pur avendo assunto responsabilità fin dalla tenera età e avendo lottato anche con problemi fisici per realizzare i tuoi sogni. Tutto questo si opacizza di fronte alle critiche degli invidiosi che in fondo vorrebbero solo essere come te. Se tu che hai una famiglia che ti accompagna, che hai un ricco patrimonio personale e il sostegno di tanta gente, non ci riesci, come potrebbero loro ritenersi capaci di andare avanti nonostante le tante battaglie che devono affrontare ogni giorno? Io non parlo ai miei allievi del Messi che gioca a calcio in modo fantastico, ma di quello che ha praticato migliaia di tiri liberi per riuscire a mandare la palla in quell’angolo irraggiungibile; parlo loro del Messi che quando era bambino ha sopportato come loro tanti problemi per continuare a perseguire quello che amava; parlo loro del Messi che con tutto il denaro che ha guadagnato aiuta altri ragazzi come lui nelle loro varie difficoltà; parlo loro del Messi uomo, quello che si è formato una famiglia e affronta tutti i giorni il compito più importante, che è quello di essere un buon padre; parlo loro del Messi che impedisce che un fan che lo sorprende nel bel mezzo di una partita esca da lì ferito; parlo loro del Messi che può anche sbagliare un rigore, perché le persone sono fatte di difetti e questo mostra loro che anche il più grande di tutti i tempi è imperfetto. Non ti arrendere, non mettere da parte la maglia con i colori della nostra patria, perché quando la indossi diventi un argentino che rappresenta tutti noi, e non tutti ci aspettiamo coppe e medaglie per sentirci orgogliosi di quello che sei. Non permettere che i miei ragazzi pensino che arrivare secondi sia una sconfitta, che perdere una partita significhi perdere la gloria. I miei allievi devono capire che gli eroi più nobili, indipendentemente dal fatto che siano medici, soldati, maestri o giocatori di calcio, sono quelli che danno il meglio di sé per il benessere degli altri, pur sapendo che nessuno li valorizzerà per questo, sapendo che se riescono il trionfo è di tutti, ma se falliscono il fallimento sarà solo loro, e anche così ci provano. Ma soprattutto, si hanno eroismo e virilità quando si lotta e si superano le perdite con coraggio e integrità, anche se tutti ci dicono che non ci riusciremo. E un giorno ci si trova davanti alla più grande delle vittorie: essere felici essendo se stessi, senza ricordare quanti demoni si è dovuto affrontare per riuscirci. Tutti parlano di pallone, io credo nella forza del tuo cuore.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
calciofallimento
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
2
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
3
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni