Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 20 Giugno |
San Romualdo
home iconStile di vita
line break icon

3 modi per imparare ad accontentarsi in un mondo sempre più esigente

Simone Becchetti | Stocksy United

Ashley Jonkman - pubblicato il 27/06/16

Non riuscivo a smettere di catalogare gli errori e i “Non basta” nella mia vita, fin quando non ho ricevuto una scrollata inattesa dalla realtà

Il mio primo appartamento con mio marito era, come molte case di sposi novelli, piccolo e modesto. All’inizio non mi importava. Sono stata felice di montare la mia cucina e di organizzare il mobilio perché fosse tutto più confortevole e poter ricevere gli amici. Ero felice di condividere un posto con mio marito.

Man mano che passava il nostro primo anno di matrimonio, ho iniziato a vedere dei difetti nella nostra casetta. Prima mi sono chiesta se non avremmo potuto affittare un posto migliore, localizzato meglio, o forse avere un giardinetto. Il mio cuore stava diventando scontento, e paragonavo la mia casa a quella di amici e conoscenti.

Questa inclinazione iniziale al paragone è diventata rapidamente un’ossessione: soppesavo continuamente quello che avevo e consideravo tutto imperfetto. Quando il nostro contratto d’affitto è scaduto ci siamo trasferiti in una piccola casa con un grande giardino, ma il mio desderio di avere di più non è stato soddisfatto. In realtà, ho scoperto altre cose che hanno aumentato il mio scontento. I miei mobili erano ancora inadeguati, e il bagno non era abbastanza grande. Il mio cuore ha ignorato le benedizioni che avevamo ricevuto – sia materiali che immateriali.

Ma poi sono stata costretta dalle circostanze a riconsiderare tutto. Poco dopo la nascita del nostro primo figlio abbiamo attraversato momenti difficili a lavoro e siamo stati costretti ad abitare per alcuni mesi con dei familiari. Condividendo lo spazio con altre persone, e soffrendo per un periodo scoraggiante a causa della disoccupazione, ho iniziato a trovare elegante il mio vecchio appartamento.

Cercare la gioia è naturale

Praticamente tutti sono alla ricerca della gioia, della felicità, della pace profonda nella nostra anima, ma tendiamo a cercare la gioia migliorando le cose che già abbiamo: cerchiamo di ottenere più macchine, un aspetto più gradevole, uno status sociale diverso. Dico che sarò felice quando avrò la prossima cosa: una volta che avrò comprato una casa, che avrò ottenuto un impiego migliore, quando mi sposerò, avrò figli… Molti di noi cercano la felicità dove finiremo per rimanere svuotati.

E allora come possiamo cercare la felicità e sforzarci di avere un senso di soddisfazione di fronte a un mondo materiale che tante volte ci tenta? Esistono tre strategie.

1. Siate grati

Il dottor Brene Brown, autore e ricercatore del New York Times, afferma che per avere gioia bisogna avere gratitudine.

Quando mio marito ed io abbiamo avuto per la prima volta difficoltà finanziarie, devo confessare che è stato definitivamente un periodo di assenza di gratitudine. Ero preoccupata e mi sentivo umiliata perché avevo bisogno di aiuto, ma in realtà avevo molto per cui ringraziare. In primo luogo, il fatto che avessimo una famiglia disposta ad aiutarci e a sostenerci (a livello sia fisico che emotivo) in quei pochi mesi è stato una grande benedizione. Quando ho iniziato a cambiare la mia mentalità per ringraziare per le cose grandi e piccole, il mio cuore è diventato più leggero e sono stata benedetta da una maggiore soddisfazione – durante e dopo la crisi economica.

Quando scelgo di essere grata per quello che ho anziché concentrarmi su ciò che mi manca sono molto più felice. Anziché preoccuparvi del fatto di non avere molto a livello finanziario, professionale e sociale, concentratevi sui doni di grande valore che avete già ricevuto.

  • 1
  • 2
Tags:
modestia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni