Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconvaticano notizie
line break icon

Il Papa nel pozzo che fu prigione di san Gregorio

Vatican Insider - pubblicato il 26/06/16

Due piccole rampe di scale portano alla sala del pozzo di san Gregorio. Si conclude qui, in uno dei luoghi più sacri per la Chiesa armena, il viaggio di Francesco in Armenia. Siamo a meno di cinquanta chilometri da Yerevan, nei pressi del confine – chiuso – con la Turchia, ai piedi del biblico Monte Ararat. Qui si trovava una cittadella fortificata nella quale san Gregorio l’Illuminatore venne imprigionato e rinchiuso in un pozzo per tredici anni dal re Tiridate III, persecutore dei cristiani.

Ma nel 301 il re, dopo essere stato colpito da una grave malattia, ed essere stato guarito con l’intercessione di Gregorio, si converte al cristianesimo con l’intera famiglia e proclama tutta l’Armenia nazione cristiana. La prima a diventare cristiana come nazione. Il luogo della prigionia di san Gregorio si trasforma in monastero, che nel XII-XIII secolo ospita un seminario rinomato e un importante centro di studi e formazione. Sopra il pozzo, interrato sei metri e mezzo nel sottosuolo, è stata costruita una chiesa diventando meta di pellegrinaggi da tutto il paese. 

Il complesso è stato devastato da un violento terremoto nel 1679. Ricostruito a più riprese, ha raggiunto la struttura attuale nel XIX secolo ed è sotto la diretta giurisdizione della Santa Etchmiadzin. Giovanni Paolo II l’aveva visitato il 27 settembre 2001, a conclusione del suo viaggio di tre giorni in Armenia. 

Il Papa e il Catholicos, dopo essere stati accolti dal superiore del monastero, si sono incamminati sulle piccole scale fino alla sala del pozzo di san Gregorio, dove hanno acceso una candela. Quindi in processione si sono recati nella cappella adiacente dove hanno recitato una preghiera in armeno e un’altra in italiano. Al termine, il Papa e Karekin sono usciti sulla terrazza del belvedere, che si affaccia sull’Ararat, e qui hanno liberato due colombe in direzione del monte biblico, che oggi si trova al di là del confine, in Turchia. Da qui Francesco è andato direttamente all’aeroporto di Yerevan per fare ritorno a Roma. 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni