Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Una risposta contemplativa cristiana a Orlando

Andrew CABALLERO-REYNOLDS / AFP
A church is reflected in a poster of one of the victims of the Orlando mass shooting are seen on the side of the Human Rights Campaign building in Washington, DC on June 17, 2016. / AFP PHOTO / Andrew CABALLERO-REYNOLDS
Condividi

Cosa deve fare un cristiano di fronte alla violenza e all'estremismo crescenti?

Il sangue si era a malapena asciugato sul pavimento del nightclub Pulse di Orlando quando la mia pagina Facebook è stata inondata di post che davano la colpa a qualcuno o a qualcosa. A seconda di chi si interpella, sembra che la fonte di tutti i nostri mali siano le armi, i musulmani, l’omofobia, la malattia mentale o il diritto cristiano. In base all’ideologia che motiva ciascuno, se uno di questi fattori venisse eliminato il mondo tornerebbe ad essere sicuro.

La tragedia di Orlando, e il nostro mondo, è tuttavia ben più complicata di quanto si legge su Facebook.

Lo stesso attentatore dimostra la complessità della situazione. Omar Mateen era un musulmano violento con le donne, sposato ma attratto dagli uomini e che frequentava il club gay nel quale è tornato per aprire il fuoco. Non particolarmente religioso quando ha sposato la prima moglie, Mateen si è radicalizzato abbastanza da assicurare la sua lealtà all’ISIS prima dell’attentato. Prego per la persona il cui lavoro è capire le motivazioni di quest’uomo disturbato per uccidere brutalmente 49 persone.

Cosa dovrebbe fare un cristiano di fronte all’estremismo e alla violenza in aumento?

Tu invece, quando preghi, entra nella tua camera e, chiusa la porta, prega il Padre tuo nel segreto
Matteo 6, 6

In un clima di paura e rabbia, mi tiro indietro, vado nella mia stanza interiore e chiudo la porta. Porto le sofferenze e le lacrime dell’umanità a Dio e gli chiedo di effondere la sua misericordia e la sua grazia sul nostro mondo sofferente. Prego per il riposo delle anime delle vittime di Orlando e per chiunque muoia all’improvviso al mondo, senza il tempo per preparare la propria anima all’incontro con Dio. Prego per l’ISIS e per la conversione di chiunque simpatizzi con l’islam radicale. Prego per chi è vulnerabile alla violenza, incluse le persone della comunità LGBT particolarmente colpite da questo episodio. Prego anche per altre persone vulnerabili alla violenza, come i rifugiati, i bambini non nati e i cristiani perseguitati. Prego per la fine della violenza provocata dalle armi e delle uccisioni di massa. Prego per ogni cristiano che comunica i comandamenti amorevoli di Dio in modo pieno di odio. Prego per le persone malate a livello mentale, perché trovino l’aiuto e la comprensione di cui hanno bisogno. Prego per chiunque utilizzi i media per promuovere la violenza, incluso qualsiasi tipo di divisione e di animosità nei confronti di coloro che percepiamo come nostri avversari a livello ideologico.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni