Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
vaticano notizie

Melchiti divisi, rinviato il Sinodo

Vatican Insider - pubblicato il 22/06/16

Il Sinodo di una Chiesa d’Oriente costretto ad aggiornarsi perché la maggioranza dei vescovi ha deciso di non partecipare, in polemica con il patriarca di cui chiedono le dimissioni. Con l’interessato che, a sua volta, promette di non cedere «davanti a pressioni illegali e ingannevoli». Proprio mentre a Creta il mondo ortodosso sperimenta la difficoltà di un Concilio che dopo secoli sta provando a tracciare una strada comune tra i diversi patriarcati autocefali, anche una Chiesa di rito bizantino in comunione con Roma fa i conti con una clamorosa spaccatura. Si tratta del patriarcato melchita, la Chiesa araba che ha la sua sede a Damasco e conta oggi fedeli non più solo in Siria, Libano, Palestina, Israele e Giordania, ma anche tra gli arabi cristiani emigrati negli Stati Uniti, in Australia, in Francia e in America Latina.  

Per questa settimana il patriarca Gregorio III Laham aveva convocato l’annuale Sinodo, che avrebbe dovuto tenersi ad Aïn Trez, la sede estiva del patriarcato, sulle pendici del Monte Libano. Ma l’incontro ha fatto venire alla luce una divisione profonda che attraversa oggi la gerarchia melchita: sui ventidue vescovi che compongono il Sinodo, infatti, solo dieci si sono presentati all’appuntamento. Con gli altri che – dopo essersi già rivolti alla Congregazione per le Chiese Orientali per chiedere le dimissioni del patriarca – non sembrano al momento intenzionati a ricomporre all’interno del Sinodo il loro conflitto, come invece era stata l’indicazione di Roma. 

Al centro delle loro critiche c’è l’operato di Gregorio III Laham, 85 anni, eletto nel 2000 «patriarca di Antiochia e di tutto l’Oriente» – come recita il titolo della guida della Chiesa melchita – dopo essere stato per molti anni l’esarca patriarcale di Gerusalemme per questa Chiesa di rito bizantino in comunione con Roma dal 1729.  

Alle critiche rivolte contro di lui – che toccano anche questioni legate alla gestione del patrimonio – Gregorio III ha risposto definendole «ingannevoli» e chiedendo un dibattito «rispettoso, franco e trasparente, in spirito di dialogo e di carità», da tenere in un nuovo Sinodo che potrebbe tenersi nel mese di ottobre. Ma in una nota ha anche precisato di considerare il boicottaggio «un atto di aperta ribellione ecclesiastica» e la richiesta di dimissioni incondizionate del patriarca «una condotta irresponsabile, non ecclesiale e illegale, che ha provocato un’ondata di collera, proteste, dubbi e perplessità fra i fedeli».

A guidare l’opposizione nei confronti del patriarca è l’arcivescovo melchita di Beirut, Cyrille Bustros. È stato lui a a sollecitare l’intervento di Roma, facendosi portavoce di un disagio che coinvolge anche altre diocesi della Siria e del Libano; ma la Congregazione gli ha risposto ricordando che il Codice delle Chiese Orientali, al numero 126, prevede che una sede patriarcale sia considerata vacante solo in caso di morte del patriarca o di rinuncia spontanea della sua carica (come avvenuto tra i maroniti nel 2011 con Pierre Sfeir). Va anche ricordato che il nome del settantasettenne Bustros non è nuovo alle cronache vaticane: nel 2010, infatti, durante il Sinodo per il Medio Oriente, alcune sue parole pronunciate in una conferenza stampa da arcivescovo melchita di Newark scatenarono una tempesta mediatica con il mondo ebraico intorno al tema del «superamento» dell’idea del «popolo eletto». 

La spaccatura tra i melchiti si inserisce nel difficile contesto del Medio Oriente di oggi, segnato da guerre e tensioni politiche esasperate. Questioni che finiscono per influenzare la vita stessa delle comunità cristiane, rendendo più faticoso l’esercizio della sinodalità. Ed è interessante notare che – proprio mentre tra i melchiti andava in scena questa spaccatura – un’altra Chiesa cattolica di rito orientale, quella caldea, viveva nelle stesse ore un momento di unità tutt’altro che scontato con l’assemblea generale del clero voluta dal patriarca Luis Raphael Sako a Erbil, dove la maggior parte dei cristiani iracheni vivono oggi come profughi. 

Anche Sako in questi mesi ha dovuto, infatti, affrontare la ferita dei sacerdoti che – senza il consenso del patriarca – hanno lasciato l’Iraq per trasferirsi negli Stati Uniti, accolti dalla locale diocesi caldea. E proprio dall’incontro del clero a Erbil il patriarca caldeo ha lanciato ai suoi vescovi un nuovo appello all’unità, invitandoli a «condividere con il patriarca il peso delle aspirazioni della Chiesa» e a coltivare una «partecipazione attiva e responsabile al Sinodo, che rafforzi la collegialità promuovendo l’amicizia e i legami tra di noi».  

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni