Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cosa ho chiesto a Dio sposandomi con un non credente

Condividi

Ho accettato il cammino della fede in solitudine con un impegno: amare Dio per me e per lui

Ho conosciuto mio marito 28 anni fa. Avevamo poco più di vent’anni e ci siamo innamorati.

Io, da credente, chiedevo da tempo a Dio di regalarmi una persona che non mi allontanasse dalle mie convinzioni. E così è stato. Non gli ho mai chiesto che fosse credente, ma che non mi separasse da Lui.

Prima di sposarmi ho riflettuto sul fatto che lui non fosse cristiano. Ha accettato di sposarsi per la Chiesa e che i nostri futuri figli venissero educati nel cristianesimo (ne abbiamo tre, tutti battezzati e che hanno fatto la Prima Comunione).

Ho accettato questa croce di vivere il cammino della fede in solitudine all’interno del matrimonio con l’impegno di amare Dio per me e per lui.

A volte vivere la fede da sola è difficile: quando vedi a Messa le coppie, o quando pensi che non puoi pregare insieme al partner…

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni