Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 02 Dicembre |
Blanca de Castilla
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Come ho risolto i miei problemi con la religione

© Brian A Jackson / Shutterstock

Michael Rennier - pubblicato il 17/06/16

Quando ho iniziato a pensare maggiormente a ciò che avevo da offrire, l'idea della religione ha iniziato ad avere molto più senso

La nostra società è sempre meno legata alla religione. Non è che non crediamo più in Dio, ma preferiamo definirci “non affiliati” o “spirituali ma non religiosi”. La religione è considerata un concetto negativo, o perfino qualcosa che ostacolerebbe la spiritualità. Anche tra le persone che si ritengono fedeli il ritornello “amo Cristo ma non la Chiesa” sta diventando predominante.

In qualche modo lo capisco. Alla fin fine, le Chiese hanno i loro problemi, grandi e piccoli: scandali per gli abusi di sacerdoti, mancanze personali dei loro membri, sermoni su questioni sociali su cui possiamo non concordare. Anche se il sacerdote è eccellente, alcuni possono ritenerlo un ipocrita che non ha contatto con il mondo contemporaneo. Sembra che la folla “spirituale ma non religiosa” stia cercando di prendere ciò che ritiene positivo della religione lasciando da parte gli aspetti a suo avviso negativi. Un obiettivo considerevole.

Ma ecco la mia domanda: una volta che la religione è stata eliminata, cosa resta? Non so voi, ma io non sono una persona tanto brava. Chiaramente posso essere attento, gentile e comprensivo, ma allo stesso tempo sono spesso arrogante, egoista e imprudente. Non posso confidare in me stesso per lo sviluppo della mia spiritualità.

Se la mia spiritualità è limitata ad accettarmi come sono, devo mettere in discussione il motivo per cui ho bisogno di una spiritualità. So che esistono molti atei che fanno del bene al mondo, ed è umiliante vedere quanto possano essere molto più caritatevoli e gentili di me. La spiritualità dev’essere qualcosa di più. Per me, un po’ di yoga e la condivisione di citazioni edificanti su Facebook non sono sufficienti. Ho bisogno della religione.

Ho sempre creduto in Dio, ma ho già lottato contro la religione organizzata e ne ho messo in discussione la validità. Oggi sono un frequentatore felice della chiesa, ma arrivare a questo punto non è stato facile. Ci sono alcune buone obiezioni alla religione organizzata. Eccone alcune di quelle che avevo, e di seguito il modo in cui vi ho risposto.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
chiesacredentidionon credentireligione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni