Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 25 Luglio |
San Giacomo il Maggiore
home iconvaticano notizie
line break icon

Il beato Romero testimonial della libertà religiosa negli Usa

Vatican Insider - pubblicato il 16/06/16

«Testimone della Libertà» negli Stati Uniti. È il destino, alquanto sorprendente, di monsignor Romero, beato dal maggio 2015, appena annoverato nella ristretta lista dei quindici testimonial di una campagna per la libertà religiosa promossa dai vescovi degli Stati Uniti, proprio il paese che appoggiò per lungo tempo il regime di destra che ne provocò la morte e che in ampi settori del suo cattolicesimo non ha visto di buon occhio la sua predicazione a San Salvador. Ma così è. Forza della santità, che oltrepassa confini territoriali e ideologici e si fa largo anche dove non lo si supporrebbe. 

«La quincena por la Libertad», i quindici per la libertà, è una campagna nazionale promossa dalla Conferenza episcopale degli Stati Uniti che prenderà avvio il 21 giugno «per fomentare la libertà religiosa e difendere il diritto delle istituzioni e fedeli religiosi a esercitare la libertà di coscienza nella società contemporanea nordamericana». 

Quest’anno nel ristretto novero delle figure più esemplari proposte ai cattolici a stelle e strisce ci sarà anche Romero e altri 14 testimonial del calibro di John Fisher e Tommaso Moro, le cui reliquie vengono portate in pellegrinaggio di stato in stato, con santi contemporanei come Massimiliano Kolbe, Edith Stein, Kateri Tekakwitha e il beato messicano Miguel Pro o antichi come Pedro e Paolo, Giovanni Battista, le sante Felicita e Perpetua. Ci saranno anche le Hermanitas de los Pobres, cooptate tra i 15 per la loro lotta contro le disposizioni della legge sanitaria americana sulla contraccezione.  

Il sito SuperMartyrio di Carlos Colorado, sempre attento a quel che si muove attorno al beato salvadoregno, riferisce, con la notizia, anche la critica di settori progressisti del cattolicesimo Usa che vedono nella cooptazione del Vescovo martire una operazione che non gli rende veramente giustizia. Una ragione di più per sorprendersi per il reclutamento di Romero come apostolo della libertà.  

L’interpretazione «conservatrice» pone l’accento sul fatto che Romero abbia lottato contro gli attacchi del governo alla Chiesa e sebbene reclamasse una maggior giustizia sociale non promosse lo statalismo come panacea di tutti i mali. Inoltre – sostengono – voleva restaurare una «civilizzazione cristiana» per promuovere valori umanisti nella società. Altro argomento estratto dalla poliedrica personalità del «Santo d’America» punta sul fatto che accusasse il governo di complicità negli assassini di sacerdoti che difendevano i poveri ma anche di voler liberalizzare le restrizioni contro l’aborto a cui la Chiesa di El Salvador si opponeva (omelia del 2 ottobre 1977); a questo proposito si cita l’omelia del 17 giugno del 1979 in cui l’Arcivescovo di San Salvador comparò l’aborto alla repressione dello stato. «Credeva anche che il popolo salvadoregno — il fedele e santo popolo salvadoregno come lo chiamava – sarebbe stato l’artefice della propria liberazione» scrive SuperMartyrio. Con una postilla, diretta ai riformatori: «Se veramente amiamo il popolo e se vogliamo difendere il popolo, allora non possiamo togliergli quello che ha di più prezioso, cioè la sua fede in Dio, il suo amore per Gesù Cristo, i suoi sentimenti cristiani» (omelia di gennaio 1980). 

Terre d’America

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
7
PILGRIMAGE,ROME
Giovanni Marcotullio
Lo stato della questione sulla Messa in “rito antico”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni