Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’adozione, forma purissima di amore

Condividi

Quando la maternità non ha nulla a che vedere con la biologia, ma molto con la generosità e la misericordia

Ci sono decisioni che cambiano completamente il corso della nostra vita. Dobbiamo compiere delle scelte dal momento in cui ci svegliamo. Mi alzo adesso o farei meglio a rimanere a letto per altri cinque minuti? Dovrei indossare la giacca o no? Mi faccio un caffè o una cioccolata calda? Vado a fare una corsa oppure resto a guardare la TV? Compro un’insalata o lascio perdere la dieta?

Decisioni, decisioni, decisioni. Alcune più importanti di altre. L’adozione è una di quelle decisioni fondamentali che provocano un turbine di sentimenti, di illusioni, di pensieri e di speranze. Dare il “sì” definitivo alla scelta di adottare un bambino agita, proprio come quando si ha tra le mani un test di gravidanza positivo. Quando dico “agita” non mi riferisco a qualcosa di negativo, ma piuttosto a un momento memorabile, indescrivibile e sublime della nostra vita. Un momento in cui l’amore trabocca, perché non c’è gioia più grande. Un momento in cui non ci sono parole adatte per descrivere un tale miracolo.

In questa storia non c’è un cattivo. Perché non è cattiva la donna che non si è potuta prendere cura del proprio bambino, non è cattiva quella donna che – dopo il quarto o quinto figlio – ha deciso di darlo in adozione, non è cattiva la donna che non ha avuto risorse per mantenerlo, non è cattiva la donna che è stata violentata, non è cattiva quella donna a cui è stato detto che suo figlio sarebbe nato con qualche disabilità, non è cattiva la donna che è stata abbandonata, non è cattiva la donna sterile.

Qui nessuno è cattivo, qui ci sono solo donne di coraggio. C’è una donna che ha deciso di dare la possibilità a questa piccola creatura di nascere, di essere parte di una famiglia, di vedere la luce del giorno, di sentire il calore del sole e la brezza del vento, di correre, di giocare, di urlare e di riempirsi la faccia cioccolato.

 

Donne di coraggio, di amore, di gentilezza. Siamo forti, ma siamo anche consapevoli che esiste un’alternativa, che l’aborto non è mai un’opzione. E, pertanto, non dovrebbe essere un diritto.


LEGGI ANCHE: L’adozione non è un gioco


Perché dobbiamo portare via la vita di qualcuno, se nessuno ha preso la nostra? Non è madre soltanto la donna che ha portato suo figlio in grembo per nove mesi, non è madre soltanto colei che ha sopportato la nausea e le voglie, che ha sofferto il dolore del parto, che ha allattato 24 ore su 24, che si è riempita di smagliature su tutto il corpo. È madre anche la donna che riceve tra le braccia un bambino senza aspettarsi nulla in cambio, è madre la donna che – con amore e coraggio – ha detto “sì” a quel piccolo a cui altri hanno chiuso le porte.

C’è un prima e un dopo, nella vita di una donna e nella vita di una coppia, quando si diventa genitori. Oggi più che mai sentiamo commenti del tipo: “Perché prendere dei bambini?”, “I bambini sono un fastidio”, “perché prendersi cura dei bambini che gli altri lasciano?”. E io rispondo: Perché no? Perché non dare un’opportunità a quel bambino? Perché non dargli un padre e una madre, se per qualche motivo non li ha potuti avere nella sua vita? Perché non riempire le sue giornate con felicità, amore, tenerezza, sorrisi e carezze? Perché no?

Un vero padre non è colui che ha dato il nome al bambino e poi l’ha abbandonato, né è quello che lo va a trovare solo nei giorni festivi o ogni volta che “ha tempo”. Un vero padre è colui che dedica tutta la sua vita al piccolo, anche se geneticamente non lo ha generato lui. Un padre è lì a tranquillizzare il bambino di notte, a salvarlo dai suoi incubi, a mostrargli come allacciare le scarpe, a rimproverarlo con amore, ad asciugargli le lacrime e anche a farlo ridere. Un vero padre non lo è qualche volta, lo è sempre.

Un argomento di cui si parla poco è quello della sofferenza delle coppie che non riescono a concepire. Spesso il dolore viene nascosto a chi è accanto, mimetizzandolo con scuse tipo “non abbiamo ancora deciso”, “non vogliono bambini”, “per ora stiamo bene così”, quando in realtà si sta lottando per aver un bambino.

Se voi che state leggendo questo articolo siete padri o madri che hanno adottato, vi ringrazio. Grazie infinite per aver accettato la sfida di essere genitori, per svolgere il vostro ruolo con tanta dedizione, con tanto amore, ma soprattutto ringrazio Dio perché quel giorno vi ha sussurrato all’orecchio che quel piccolo sarebbe diventato vostro figlio.

L’adozione non è un dono soltanto per il bambino, che ora può essere parte di una famiglia. È un dono per ogni membro che vi fa parte. Per i genitori, che realizzano il loro sogno, è un qualcosa di incomparabile e indescrivibile. È il segno dell’amore e della più grande misericordia.

“Nella sua gratitudine e generosità, l’adozione è un segno della chiara comprensione del messaggio di Gesù Cristo, che riversa il suo amore per i bambini e li accoglie con gioia e bontà. Le coppie sterili che scelgono di adottare sono un esempio eloquente dell’amore coniugale“, ha dichiarato l’attore Jim Caviezel, che ha adottato – insieme a sua moglie – due bambini malati.

Condividete questo articolo con amici o parenti che sono stati adottati, che hanno deciso di adottare o che stanno prendendo in considerazione questa scelta. Se avete avuto la fortuna di essere adottati, raccontateci la vostra storia!

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.