Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Gennaio |
Sant'Angela Merici
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Divorziati con una nuova unione e allo stesso tempo cattolici

web-married-couple-group-therapy-shutterstock_317932478-goodluz-ai

Shutterstock / goodluz

Schoenstatt.org - pubblicato il 15/06/16

Curando le ferite e costruendo solidamente le basi di una famiglia nuova e definitiva

I divorziati in una nuova unione devono sentire l’amore della Chiesa. “Non basta che sappiano che la Chiesa li ama, devono sentirlo”. È la convinzione di un’iniziativa di accompagnamento alle persone cattoliche che vivono in una situazione “irregolare” a causa della rottura dei loro vincoli matrimoniali.

Si chiama “Pastorale della speranza” e da quando è nata, 10 anni fa in Argentina, si è estesa a vari Paesi, come Paraguay, Cile e Spagna, all’interno del movimento cattolico di Schoenstatt.

“La Chiesa non può restare indifferente a queste situazioni dolorose”, e come il buon pastore deve cercare “la pecora smarrita”, afferma una delle coppie animatrici sulla web schoenstatt.org.

E questo “senza stabilire differenze tra chi continua ad essere fedele al proprio impegno matrimoniale e chi ha spezzato questo vincolo e ha anche intrapreso una nuova relazione”.

I divorziati che hanno un nuovo partner, si ricorda, continuano ad essere membri della Chiesa, perché “hanno ricevuto il Battesimo e conservano la fede”.

Attraverso varie attività, coppie in diverse situazioni si sostengono per percorrere “con fiducia e allegria l’iter di conversione (progressiva per eccellenza), di guarigione e di crescita nella fede e nella vita cristiana, di coppia e di famiglia, in base a ogni situazione particolare”.

I divorziati che convivono con un’altra persona, sostengono gli organizzatori, devono sentirsi “parte importante della Chiesa”, con diritti e doveri, e bisogna cercare di “integrarli e riabilitarli nel servizio a Dio e al prossimo”.

Le coppie che animano questa pastorale, tra cui anche divorziati in una nuova unione, affermano che l’iniziativa “è inclusiva e non cerca una soluzione sacramentale, ma evangelizzatrice”.

Convinti che si apriranno “cammini inediti di crescita spirituale”, concludono, “vogliamo accompagnarli con amore e speranza a curare le ferite di una separazione e ad assumere la sfida di costruire solidamente le basi di una famiglia nuova e definitiva”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE: Sui sacramenti, papa Francesco tende una mano ai divorziati risposati

Tags:
chiesadivorziati risposatimatrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni