Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 26 Febbraio |
Religiosa e Fondatrice
home iconNews
line break icon

Sesso, violenza e torture: la storia di una donna yazida rapita dall’Isis

Mr.Exen/Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 10/06/16


«Entrò con forza dentro di me e io sentii male. Spinse con violenza e io ricordo l’odore del suo sudore. Poi mi spostò di lato e si mise a dormire. Dormii anch’io, in un oblio profondo da cui non avrei voluto emergere».

Abu Kacher, questo il nome dell’aguzzino, la tiene con sé per diversi giorni conditi sempre dallo stesso copione. Hana non può uscire ed è sottomessa ai suoi ordini. Quando lui ne ha voglia la violenta e lei incassa. Un giorno, però, le dice che deve andare via e insieme ad altri miliziani la conduce in un altro villaggio, e la rinchiude in un edificio insieme ad altre ragazze.

LE CONSEGUENZE DELLE TORTURE

Una di loro aveva un labbro spaccato e una grossa tumefazione al livello della guancia e dello zigomo, con anche una lacerazione della pelle. «Mi tolsi di dosso l’abito nero e mi sedetti accanto a lei su un materassino – racconta Hana – “Chawani, mi chiamo Hana, e tu?”. Lei mi guardò con gli occhi gonfi di lacrime. Avrà avuto 18 o 19 anni. “Mi chiamo Hweida” mi rispose con un filo di voce. “Perché ti hanno picchiata in quel modo?” “Volevano che mi convertissi all’islam, ma io non ho accettato. Poi mi hanno stuprata…” e incominciò a piangere».

Ma Hana non ha neppure il tempo di demoralizzarsi perchè, sapendo che è una infermiera, Abu Kacher chiede di aiutare un medico che stava curando le ferite di miliziani dell’Isis feriti. Hana si mette in mostra con le sue doti di infermiera. «Erano tutte ferite da arma da fuoco, alcune piuttosto gravi. Feci il mio lavoro in modo scrupoloso, ma non cercai di essere delicata in nessun modo. I pazienti si lamentavano dal dolore e uno mi disse: “Stai attenta, cagna yazida”. Io schiacciai la ferita, lui si mise a urlare, e gli sussurrai: “Se mi chiami ancora così ti faccio soffrire le pene dell’inferno…”».

VENDUTA PER 80 DOLLARI

Il giorno dopo la ragazza viene trasferita a Mosul, principale città irachena nelle mani dell’Isis. E’ trasferita al “Sabaya Market”, il mercato delle schiave. «Fui venduta per 80 dollari. La contrattazione fu animata. Questa mia esistenza, fatta di carne e ossa, occhi grigi e lunghi capelli neri, ma fatta anche di conoscenza, studi, pensieri, sogni, sentimenti, fu valutata 80 dollari (…) Mi comprò Abu Mosa, un iracheno che viveva alla periferia di Mosul, lavorava per l’Hisbah, la dottrina islamica, e la faceva rispettare».

Abu Mosa riprende il copione del precedente rapimento. Hana non esce di casa, è violentata in continuazione, soffre in silenzio. Alla fine di ottobre del 2014 le chiede per la prima volta di convertirsi all’Islam e di fronte al diniego la picchia con forza. Ma Hana non cede e decide di desistere. Qualche giorno più tardi accade un fatto che sarà l’inizio della svolta.

IL PIANO PER LA FUGA

A casa di Abu Mosa arrivano due miliziani ferite e Hana è costretta a curarli. Architetta così il piano per la fuga perché tra i medicinali necessari per salvare quegli uomini, sono necessari anche dei tranquillanti. Abu le acquista tutto il necessario e lei abilmente mette da parte alcune gocce in un barattolo. Dopo qualche giorno gli uomini lasciano la casa del suo “padrone” e a quel punto la ragazza decide, una sera, di mescolare nel cibo una dose massiccia di farmaci.

Abu Mosa cade in un lungo sonno, mentre Hana taglia i capelli, si traveste da miliziano dell’Isis ed esce di casa con una scorta di cibo, impugnando il kalashnikov. Non prende l’auto ma corre a piedi nei campi. Si dirige verso nord, sul versante di una vallata che sporge in direzione del Kurdistan nella speranza di essere aiutata dai peshmerga.

SALVATAGGIO SUNNITA

La sua fuga è drammatica, ad un tratto senza più punti di riferimento, fino a quando sviene per la mancanza di energie e si sveglia in un letto circondata da un uomo e alcune donne. Ibrahim insieme alla sua famiglia la tranquillizza: «“Non preoccuparti, non chiameremo quelli dell’Isis. Qui sei al riparo. Mia figlia e mia moglie si prenderanno cura di te e poi ti aiuteremo ad arrivare in un posto sicuro”. Quelle persone erano musulmane, sunnite, ma il loro Allah era diverso da quello di Abu Kacher o Abu Mosa. Per loro la vita umana e la dignità avevano un valore, non importava di che religione fossi. Loro mi salvarono, a loro devo la mia vita».

E’ l’ultimo passo di una incredibile storia. Trascorrono quattro mesi a casa di quella famiglia musulmana prima di essere portata in salvo dai peshmerga. Ora violenze e torture sono alle spalle. Ma nella mente di Hana aleggiano ancora tanti fantasmi che dovrà riuscire ad allontanare.

ACQUISTA QUI IL VOLUME

ESEC_RYAN_HanaLaYazida.indd

  • 1
  • 2
Tags:
iraqisisyazidi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
3
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
MUM, HUG, CHILD
Annalisa Teggi
Mamma si suicida insieme al figlio, ma lo salva con l’ultim...
6
FAUSTINA
don Marcello Stanzione
I Cherubini e l’Inferno: le visioni degli angeli di santa Faustin...
7
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni