Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconvaticano notizie
line break icon

Il Papa ai medici: no alla “falsa compassione” che porta alla morte

Vatican Insider - pubblicato il 09/06/16

La compassione «non emargina, non umilia e non esclude nessuno»: così papa Francesco si è rivolto ai dirigenti degli ordini dei medici di Spagna e America Latina, ricevuti in centocinquanta in «Sala Clementina» alla vigilia del Giubileo degli ammalati e delle persone disabili in programma da domani a domenica. Francesco ha criticato la «falsa compassione» che porta alla morte o segue criteri di profitto. La vocazione del medico, ha sottolineato, è «come un sacerdozio».

La «posta in gioco» è la dignità della vita umana e, con essa, la dignità della vocazione medica, ha detto il Pontefice in un discorso in spagnolo tradotto in italiano da Radio Vaticana. Il valore sacro della vita del malato «non scompare né si oscura, ma brilla con più splendore» nella sua sofferenza.Non si può «cedere» alla tentazione di «applicare soluzioni rapide e drastiche», guidati da una «falsa compassione» e da meri criteri di efficienza e risparmio economico.Nella nostra cultura «tecnologica e individualista», infatti, la compassione, che «non è peccato» ma «soffrire con», non sempre è ben accolta, a volte addirittura viene disprezzata perché può essere interpretata come una «umiliazione» per chi la riceve, oppure ci sono persone che si nascondo dietro una «presunta compassione per giustificare e approvare la morte» di un paziente. La vera compassione, ha proseguito Francesco, «non emargina, non umilia e non esclude nessuno» e tanto meno considera una buona cosa la scomparsa di un essere umano. Se così non fosse, si assisterebbe al «trionfo dell’egoismo, di quella “cultura dello scarto” che rifiuta e disprezza le persone che non soddisfano determinati standard di salute, bellezza, utilità». 

A papa Francesco piace, racconta, «benedire le mani dei medici» come segno di riconoscimento della compassione che si fa carezza di salute. Perché la salute è «uno dei doni più preziosi e desiderati da tutti». Quanto fa bene all’esercizio della medicina, in questo senso, pensare e sentire che «il malato è nostro vicino», che «nel suo corpo lacerato si riflette il mistero della carne di Cristo stesso».La compassione è dunque la «risposta adeguata» al valore immenso della persona malata, una «risposta fatta di rispetto, comprensione e tenerezza». Nell’esercizio della medicina, aggiunge, c’è dunque bisogno di un «cuore compassionevole», che a volte non si coniuga con i mezzi e le tecniche del mestiere. D’altra parte «fragilità, dolore e malattia sono una dura prova per tutti, anche per il personale medico», ma sono pure un invito alla pazienza, a «soffrire con», a essere «personificazione della misericordia», soprattutto nell’Anno santo in corso. Perché il medico è come un buon samaritano: come Gesù «non passa oltre la persona derelitta al bordo del cammino, ma mosso da compassione la cura e la soccorre». Il Papa, che con una punta di humor ha detto di avere in sé «qualcosa del medico», ha concluso sottolineando che i medici possono fare «tanto bene», e invitando le loro famiglie ad «accompagnare, supportando la vocazione del medico, che è come un sacerdozio». 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni