Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

7 messaggi ispiratori da inserire nel portapranzo di vostro figlio

Condividi

La sua reazione sarà più forte di quanto immaginate

Se sentite che vostro figlio ha semplicemente bisogno di un incentivo a livello generale, scegliete una qualità che amate in lui – il modo in cui ride, come usa il cervello… – e scrivete una frase o due su questo. Ricordategli quanto è speciale e meraviglioso.

Citazioni famose

Anche se le citazioni famose possono essere stravaganti quando sono dei cliché, le parole significative di uno scrittore, di uno studioso, un atleta o un ex Presidente a volte possono essere esattamente quello che vorreste dire se foste un po’ più eloquenti. Scegliete qualcosa di adatto all’età, ma offrite anche qualcosa che possa ampliare un po’ la mente dei vostri figli – come la frase di Abramo Lincoln “Mi preparerò e un giorno la mia chance arriverà”.

Una barzelletta

Ridere è il rimedio migliore, ma è anche una grande fonte di incoraggiamento. Chi non ha bisogno di una bella risata durante la giornata? Anche una barzelletta del tipo “Perché il libro di matematica sembra tanto triste? Perché ha tanti problemi!” nel portapranzo suscita una bella risata, da poter condividere anche con i compagni.

Una riga tratta dal suo libro o dal suo film preferito

Quando state leggendo un libro o guardando un film insieme, prendete nota delle frasi speciali, quelle che sembrano toccare il cuore di vostro figlio o vostra figlia. Possono essere semplici come quella che pronuncia Dory in Alla ricerca di Nemo, “Basta continuare a nuotare”. Ricordare un bel momento che ha trascorso con voi o un sentimento positivo che associa a quel film o libro può essere un vero impulso in una giornata difficile.

Una preghiera

Scrivere una preghiera – quella che in genere recitate insieme o una nuova – fa sì che vostro figlio sappia che non sono solo i vostri pensieri a stare con lui a scuola, perché anche Dio è con lui. Scegliete una preghiera di ringraziamento o di gioia o una preghiera per una circostanza specifica. Può essere una buona idea anche una preghiera per i professori di vostro figlio.

Un versetto della Bibbia

Come accade con la preghiera, scrivere una parola della Scrittura ricorda ai vostri figli che non sono soli e che Dio è lì per aiutarli. Chi non ha bisogno di leggere “Non temere, perché io sono con te; non smarrirti, perché io sono il tuo Dio. Ti rendo forte e anche ti vengo in aiuto, ti sostengo con la destra vittoriosa” (Is 41,10)?

Un’affermazione d’amore

In ultima analisi, l’incentivo migliore è ricordare ai nostri figli quanto li amiamo, che siamo al loro fianco, indipendentemente da ciò che succede, e che pensiamo che il mondo sia loro. E allora, quando sentite che vostro figlio ha bisogno di un incentivo, scrivere solo quelle tre paroline – Ti voglio bene – può fare tutta la differenza del mondo.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni