Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 14 Maggio |
San Mattia
home iconChiesa
line break icon

L’8 giugno alle 13 fermati e prega con Papa Francesco

© FILIPPO MONTEFORTE / AFP

Marinella Bandini - Aleteia - pubblicato il 07/06/16

L'Azione cattolica lancia in tutto il mondo "Un minuto per la pace". Per pregare ovunque sei e secondo la propria tradizione

Un minuto lungo una giornata, per pregare per la pace insieme a Papa Francesco. È l’iniziativa “Un minuto per la pace” promossa da varie sigle dell’Azione cattolica in tutto il mondo, nell’anniversario dell’incontro di preghiera voluto da papa Francesco in Vaticano insieme al presidente israeliano Peres e a quello palestinese Abu Mazen per invocare il dono della pace. Da due anni a oggi sono tanti i gesti di pace messi a segno da Francesco, dagli incontri ecumenici alla visita al campo dei rifugiati a Lesbo, dall’incontro con Raul Castro a quello con il patriarca Kirill. Accogliendo l’invito costante di papa Francesco a non stancarsi mai di pregare e operare per la pace, i promotori invitano tutti gli uomini e le donne di buona volontà a fermarsi per un minuto alle 13 dell’8 giugno per pregare per la pace, ovunque si trovino – al lavoro, in strada, a casa – e ognuno secondo la propria tradizione religiosa. Le prime a pregare per la pace saranno le Isole Tonga: quando le donne dell’Umofc (Unione mondiale delle organizzazioni femminili di Azione cattolica) si fermeranno in raccoglimento nella capitale Nuku’alofa, in Italia sarà appena iniziato il nuovo giorno.

“È una proposta semplice – sottolinea Emilio Inzaurraga, coordinatore internazionale del Fiac e presidente della Commissione nazionale Giustizia e pace della Conferenza episcopale argentina – che rivolgiamo a tutti. È un modo per ricordarsi che ciascuno di noi può essere strumento di pace. È vero che un minuto è un tempo brevissimo, ma basta per decidere di scegliere il dialogo e la fraternità, per ricordarsi di avere un cuore che il Signore ci ha dato per la misericordia”. In Argentina le campane di molte chiese di varie diocesi suoneranno per invitare i fedeli ad unirsi alla preghiera. L’Azione cattolica argentina ha invitato i docenti a realizzare iniziative nell’ambito del programma “Educare per la pace”: dalla lettura di poesie all’esecuzione di un canto, a flash-mob con gli alunni. A Roma, l’appuntamento è all’udienza generale del Papa in Piazza San Pietro, con un gruppo di giovani che simbolicamente rappresentano i promotori. Alle 13 nella chiesa di Santo Spirito in Sassia ci sarà un momento di preghiera presieduto da monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della Nuova evangelizzazione e coordinatore del Giubileo della Misericordia.

A Betlemme l’Azione cattolica locale invita a pregare nella Grotta della Natività. A Medellin (Colombia) i giovani, gli adulti e anche i più piccoli si sono preparati realizzando striscioni colorati. A Bujumbura, la capitale del Burundi i promotori si uniranno in preghiera e coinvolgeranno la popolazione attraverso la radio. L’appello per la pace è disponibile quest’anno in più di 30 lingue: oltre a italiano, inglese, francese e spagnolo, anche arabo, ebraico, greco, birmano; nella lingua degli indios guarani dell’America latina e nella lingua hausa che si parla in Mali, l’ewe del Togo e il kikuyu del nord Kenya. “Preghiamo per la pace – conclude Inzaurraga – e preghiamo per le vittime dei conflitti. Quest’anno, in particolare, il nostro pensiero va ai rifugiati e ai richiedenti asilo, ai profughi che disperati fuggono dalle guerre per bussare alle porte dei nostri Paesi quando non muoiono attraversando il mare. Li accompagniamo con la nostra preghiera per dire loro che non sono soli e per ribadire il nostro impegno per l’accoglienza e la solidarietà”.

Tags:
azione cattolicapacepapa francescopreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni