Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I due episodi che cambiarono per sempre la vita di Madre Teresa

Condividi

La morte prematura del padre sarà il segno di una "rivoluzione" insieme a un incontro...

Furono due gli episodi che cambiarono per sempre la vita della futura Madre Teresa di Calcutta. Li racconta Roberto Allegri in “La Mamma di Calcutta. Madre Teresa” (Ancora editrice).

IL “BOCCIUOLO”

Il vero nome di Madre Teresa è Agnes. Ma la famiglia la ribattezza “Gonxha” che in albanese significa “bocciolo”. Soprannome di veggenza, oltre che di affetto, perché ogni bocciolo è promessa di bellezza, è colore rannicchiato in se stesso, destinato ad aprirsi e a dare splendore.

L’INFANZIA A SKOPJE

Quella bambina così magrolina e gracile diventerà un fiore di straordinaria potenza, un sole di amore verso gli altri, un esempio talmente luminoso da essere in grado di scrivere la storia. Agnes è nata nel 1910, vive a Skopje, cittadina dei Balcani, contesa tra l’Albania, il mondo islamico e quello slavo.

LA PASSIONE PER I VIAGGI

A Skopje, Agnes frequenta la scuola della parrocchia, dove si parla albanese. La bimba adora andare a scuola. Ha sete di conoscere e imparare. Agnes sogna di viaggiare il mondo, di attraversati i mari, visitare i luoghi imparati durante le lezioni di geografia: Roma, Atene, Parigi, Gerusalemme, e le misteriose città dell’Oriente, dell’India e dell’Africa.

L’AMORE PER IL PROSSIMO

Agnes a scuola aiuta spesso i compagni che fanno più fatica, quelli che non capiscono subito le regole di matematica o le bizze della grammatica. Si sente contenta di supportare gli altri. A volte pensa a quei bambini che hanno abiti sdruciti, rovinati e si chiede spesso perché tutti non siano uguali.

L’AVVELENAMENTO DEL PADRE

Nel 1918 per la piccola Agnes arriva il primo grande dispiacere. Il padre consigliere comunale, viene avvelenato dai suoi avversari, gli indipendentisti albanesi.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni