Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Da Omero al Papa, quella misteriosa medicina chiamata lacrime

© DR
Condividi
Sono un anestetico naturale. Suscitano tenerezza ed empatia. Servono a non farci ammalare. E restano umane, troppo umane. Da Omero a Federica Mogherini, da Roland Barthes a Papa Francesco le lacrime rappresentano forse il mistero piu’ affascinante della nostra specie. Poiche’, dal primo vagito, l’uomo continua a essere l’unico essere vivente sulla Terra a piangere: un privilegio e, assieme, una condanna.

“Tutti presentano una lacrimazione che serve a proteggere l’occhio ma la lacrimazione come espressione delle emozioni non esiste tra gli animali”, conferma all’Agi Carlo Rondinini, docente di Conservazione della Fauna alla Facolta’ di Scienza matematiche, fisiche e naturali dell’Universita’ La Sapienza. Anche le famose lacrime del coccodrillosono un fenomeno puramente fisiologico: “il coccodrillo piange per espellere acido urico”, chiarisce l’esperto. “Alcuni animali ‘sociali’ presentano delle forme di espressione del dolore o del cordoglio. Ad esempio, gli elefanti si fermano a osservare e toccare gli altri elefanti morti nel branco. E il delfino continua a prendersi cura degli esemplari morti, come se non riuscisse a distaccarsi. Ma sono forme di espressione meno vistose del pianto”.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni