Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Vuoi essere autentico?

RyanMcGuire
Condividi

Alcune chiavi per essere persone “tutte d’un pezzo”

Pensare e analizzare ciò che siamo ci porta a trovare piccole – e grandi – incongruenze nella nostra persona: se ci lasciamo trascinare dall’opinione generale delle persone che frequentiamo, si può intravedere una condotta meccanica, e forse contraria ai nostri valori. Quante volte non esprimiamo il nostro punto di vista per timore di fare brutta figura ed essere messi da parte? Si sono viste persone entrare in chiesa quasi “in incognito” per paura di essere sorprese da qualche conoscente che poteva passare in quel momento da quelle parti. Una persona coerente reagisce, pensa e agisce sempre in base alle sue convinzioni e alla sua formazione.

La riflessione su ciò che vogliamo essere dev’essere accompagnata da propositi con mete raggiungibili. Cosa fa la persona che è un’ottima conversatrice? Si dà il tempo di leggere, di informarsi, di imparare a raccontare aneddoti. Come mai quel collega è tanto efficiente? Ha studiato, ha approfondito e ha imparato quei temi che erano di suo particolare interesse, oltre a un’autodisciplina che gli fa fare le cose con ordine. Perché un amico è capace di interpretare qualsiasi melodia gli venga richiesta? Sicuramente ha imparato la musica e dedica un tempo sufficiente all’esercizio. Ogni persona che possiede una serie di caratteristiche distintive ha impiegato tempo e sforzo per riuscire ad essere “ciò che vuole essere”.

Per essere autentici serve qualcosa di più che copiare parti di un modello, come se volessimo impadronirci di una personalità che non ci appartiene, o peggio ancora passare la vita in attesa della “grande opportunità” per dimostrare ciò che siamo e ciò che possiamo ottenere. Le esperienze, la conoscenza e la lotta per concretizzare propositi di miglioramento fanno sì che con il tempo si formi una personalità propria.

Cosa fare allora per essere autentici?

– Evitare la menzogna e la personalità multipla. Essere sempre gli stessi, indipendentemente dalle circostanze.
– Lottare contro la vanità, che ci porta a metterci al di sopra di ciò che siamo per coprire le nostre debolezze o esaltare le nostre qualità. Vivere in base alle nostre possibilità, evitando un lusso al di fuori della nostra portata.
– Prepararci ad acquisire quelle capacità che ci servono per il lavoro o per portare avanti la famiglia.
– Cooperazione e comprensione per evitare il desiderio di dominio sugli altri, rispettandone diritti e opinioni.
– Essere fedeli alle promesse che abbiamo fatto, perché così siamo fedeli a noi stessi.
– Compiere responsabilmente i doveri che abbiamo acquisito in famiglia o sul lavoro.
– Mettere da parte simpatie e interessi personali, per poter giudicare e operare correttamente.
– Sforzarci di vivere le leggi, le norme e i costumi della nostra società.
– Non aver paura di farci vedere come siamo. Ad ogni modo, finché non facciamo qualcosa per cambiare non potremo essere altro.

L’autenticità dà alla persona una fiducia naturale, perché col passare del tempo ha saputo rispettare i doveri che le sono propri nello studio, in famiglia e sul lavoro, cercando di perfezionare l’esercizio di questi compiti superando apatia e superficialità, e senza lamentarsi. Per l’integrità che dà il fatto di coltivare questi lavori, diventiamo persone degne di fiducia e che meritano onore, mettendo le nostre qualità e i nostri atteggiamenti al servizio degli altri, perché le nostre mire vanno al di là della nostra persona e dei nostri interessi.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni