Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 15 Gennaio |
San Cleopa
home iconChiesa
line break icon

“I cristiani servano con gioia, non con la faccia storta!”

© Antoine Mekary / ALETEIA

© Antoine Mekary / ALETEIA

Domenico Agasso jr - Vatican Insider - pubblicato il 31/05/16

Papa Francesco a Casa Santa Marta: «Cosa brutta i fedeli tristi!»

Basterebbe imparare «il servizio e ad andare incontro agli altri» e il mondo cambierebbe radicalmente in meglio. Servizio e incontro danno una «gioia» che «riempie la vita», in particolare per i cristiani, che mai devono avere la «faccia storta» per la tristezza. Parola di papa Francesco. Il Pontefice dedica la sua riflessione nell’omelia di questa mattina a Casa Santa Marta alla Madonna, nel giorno conclusivo del mese mariano. Lo riferisce Radio Vaticana.

Pensando alla Madre di Gesù, il vescovo di Roma pone l’accento sul coraggio femminile, sulla capacità di andare incontro agli altri, sulla mano tesa in segno di aiuto. Sono tutti spunti del passo del Vangelo odierno che racconta la visita di Maria a santa Elisabetta. Questo brano, insieme alle parole del profeta Sofonia nella Prima Lettura e di San Paolo nella Seconda esprime una liturgia «piena di gioia», che rappresenta una ventata d’«aria fresca» per «la nostra vita».

Esclama il Papa: «Cosa brutta i cristiani con la faccia storta, i cristiani tristi. Cosa brutta, brutta, brutta. Ma non sono pienamente cristiani. Credono di esserlo, ma non lo sono pienamente. Questo – rimarca – è il messaggio cristiano. E in questa atmosfera di gioia, che la liturgia oggi ci dà come un regalo, io vorrei sottolineare soltanto due cose: primo, un atteggiamento; secondo, un fatto».

L’atteggiamento «è il servizio». Un servizio, quello della Madonna, che viene attuato senza tentennamenti: Maria, si legge nel Vangelo, «andò in fretta» e questo, osserva papa Francesco, sebbene fosse incinta e rischiasse lungo la strada di dover affrontare malviventi. «Questa ragazza di 16 anni, 17, non di più – evidenzia – era coraggiosa. Si alza e va». Senza scusanti.
Ecco, questo è «Coraggio di donna. Le donne coraggiose – rileva Papa Bergoglio – che ci sono nella Chiesa: sono come la Madonna. Queste donne che portano avanti la famiglia, queste donne che portano avanti l’educazione dei figli, che affrontano tante avversità, tanto dolore, che curano gli ammalati… Coraggiose: si alzano e servono, servono». E il servizio «è segno cristiano. Chi non vive per servire – afferma il Pontefice – non serve per vivere». Di più: quello di un cristiano deve essere un «servizio nella gioia, questo è l’atteggiamento che io vorrei oggi sottolineare. C’è gioia e anche servizio. Sempre per servire».

Poi, il fatto: l’incontro, quello tra Maria e sua cugina. «Queste due donne – dice – si incontrano e si incontrano con gioia». È «tutta festa». Ecco, se «noi imparassimo questo, servizio e andare incontro agli altri, come cambierebbe il mondo».

L’incontro è «un altro segno cristiano. Una persona che dice di essere cristiana e non è capace di andare incontro agli altri – ammonisce il Papa –  di incontrare gli altri, non è totalmente cristiana». Poi Francesco ricorda che «sia il servizio che l’incontro richiedono di uscire da se stessi: uscire per servire e uscire per incontrare, per abbracciare un’altra persona. Il Signore – conclude – è nel servizio, il Signore è nell’incontro».

Tags:
gioia cristianaomelia santa martapapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni