Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Esistono 8 tipi d’amore…tu quale sei?

Sam Edwards | Getty Images
Condividi

Uno psicologo ha sviluppato una teoria che aiuta a spiegare i tanti modi in cui sperimentiamo l’amore

Qualche anno fa uscivo con un ragazzo che ci ha messo un po’ per dirmi che mi amava. Mi ha detto che non voleva dirlo fin quando non avesse saputo che lo voleva dire per sempre. Quell’approccio mi andava bene perché sapevo che anch’io non lo avrei detto finché non avessi provato lo stesso. E allora, quando alla fine me lo ha sussurrato all’orecchio in quella calda serata di settembre vicino al fiume, sapevo cosa intendeva, e dopo avergli detto lo stesso ho chiesto: “Questo significa che un giorno sarò la signora Kleehammer?”

Lui ha detto di sì. E 15 anni dopo sono ancora la signora Kleehammer.

Non c’è niente come ascoltare quelle due parole magiche – Ti amo – per far sì che ondate di calore si irradino in tutto il corpo, ma avete mai vissuto un rapporto in cui vi scambiavate quelle parole ma vi ritrovavate a chiedervi se intendevate entrambi la stessa cosa?

Tendiamo a usare il termine “amore” per descrivere i nostri sentimenti positivi nei confronti di chiunque e di qualsiasi cosa – dai genitori agli amici, dagli animali alla nostra ricetta preferita per il dessert. Lo psicologo Robert Sternberg ha sviluppato una teoria che ci può aiutare a iniziare a capire i vari modi in cui sperimentiamo l’amore. La chiama la “Teoria triangolare dell’amore” – triangolare perché l’amore consiste nella combinazione di tre componenti: intimità, passione e impegno.

L’intimità è un senso di vicinanza, amicizia, avere un legame. La passione è l’attrazione sensuale, sessuale, e l’impegno è la decisione e il progetto di rimanere impegnati nel rapporto.

Sperimentiamo diversi tipi d’amore in base alla presenza e all’assenza di ciascuna di queste tre componenti.

Non amore

Il non amore è l’assenza di intimità, passione e impegno. È quello che proviamo per i nuovi conoscenti (almeno quelli di cui non ci innamoriamo a prima vista). La maggior parte delle volte, il non amore non viene nemmeno considerato un vero tipo di amore – per ovvie ragioni –, ma direi che ci può ancora essere amore a questo livello. Dopo tutto, Gesù voleva che ci amassimo tutti, giusto? Non diceva che dobbiamo essere impegnati a livello intimo e passionale con persone che non abbiamo mai incontrato, ma che dovremmo promuovere l’amore sotto forma di buona volontà nei confronti degli altri esseri umani.

Mi piace

Il “mi piace” è l’intimità senza passione o impegno. È il tipo di amore che proviamo per l’amico che ama la bicicletta come noi o per quello che ospita ogni settimana la serata di gioco. È anche il tipo di amore che proviamo per il nostro compagno di college, che è stato più bravo a tenersi in contatto e a promuovere delle rimpatriate di quanto ci saremmo mai aspettati. Grandi conversazioni, compagnia, interessi condivisi – sono cose che portano gradualmente ad amicizie solide. Il fatto di piacere, anche se non è accompagnato da passione o impegno, può promuovere uno stretto legame.

Giocate a carte e mangiate una pizza un numero sufficiente di volte con la stessa persona, confidatevi un po’ di cose e quella persona diventerà inevitabilmente una parte importante della vostra vita. Il piacere è una sorta di base dell’amore nella vostra vita.

Infatuazione

L’infatuazione è la passione senza intimità o impegno. È la cotta a cui non riuscite a smettere di pensare, o la persona con cui siete usciti qualche volta e di cui siete pazzi. È il momento in cui quella persona entra nella stanza e il cuore vi schizza quasi fuori dal petto. Molti direbbero che l’infatuazione dovrebbe essere considerata una forma di desiderio più che d’amore, ma chi la sperimenta si considera spesso “innamorato”. Purtroppo, anche se a volte è divertente, questo stato è spesso effimero – o scompare o progredisce in una forma più sostanziale d’amore. E per fortuna, perché chi potrebbe sostenere quella pura follia che fa saltare il cuore per più di qualche mese? Non si riuscirebbe mai a far nulla, perché la gente infatuata non riesce a concentrarsi su niente che non sia l’oggetto della sua attrazione. I piatti non vengono lavati, l’olio alla macchina non viene cambiato, il profilo di LinkedIn non viene aggiornato. Ma finché dura è molto dolce, vero?

Amore romantico

L’amore romantico è intimità e passione senza impegno, descrivendo uno stato che la maggior parte dei rapporti più seri attraversa prima del coinvolgimento di qualsiasi progetto reale per il futuro. È il momento dell’“innamoramento” – ma ancora allo stadio in cui esitate a menzionare il matrimonio di vostra sorella tra qualche mese per paura che l’altro pensi che lo volete invitare. Molti sono felici di viverlo per un po’, e si godono semplicemente il viaggio insieme, ma altri si trovano nella classica situazione del “chiedersi dove sta andando il rapporto”. Quando succede questo, l’intimità porta a conversazioni sentite che chiariscono i sentimenti reciproci. Si spera che entrambi vadano nella stessa direzione.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni