Aleteia
mercoledì 30 Settembre |
San Girolamo
News

WhatsApp: 3 dritte per liberarsi dal vizio

© Abd allah Foteih

Comunità Shalom | Thu May 26 2016

Scoprite se siete dipendenti da WhatsApp e come risolvere il problema

Quando sono stata incaricata di scrivere questo articolo per uno dei miei gruppi di WhatsApp, confesso di aver compiuto un’autoanalisi. Volevo scoprire se ero davvero dipendente da questa applicazione, tenendo in considerazione tanti sintomi che indicano un vizio.

Ho trovato questa lista, che indica segnali tipo restare con il cellulare in mano mentre si è con gli amici senza rendersene nemmeno conto; cercare i propri gruppi in ogni momento, anche se non ci sono messaggi nuovi; scorrere lo schermo cercando messaggi non letti, anche se si è praticamente certi di averli letti tutti; non ascoltare né prestare attenzione a niente che ci circonda quando si ha il cellulare in mano; ritardare studio o lavoro o essere in ritardo per qualche impegno perché si è collegati all’applicazione. Ce ne sono due anche più gravi: cambiare repentinamente umore quando il cellulare si sta scaricando o quando si dimentica a casa e smettere di viaggiare nel caso in cui a destinazione non ci sia segnale per Internet.

Gli psicologi arrivano oggi a offrire un trattamento per il vizio di WhatsApp.

I ragazzi tra i 18 e i 30 anni sono i più colpiti da questa dipendenza. Il servizio si è reso indispensabile per chi vuole tenersi in contatto con famiglia e amici e perfino fare affari, ma purtroppo le persone non sono consapevoli del fatto che stanno diventando dipendenti da questa applicazione.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
dipendenzawhatsapp
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
Gelsomino Del Guercio
Parla il sacerdote che ha vinto 35mila euro a...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Oleada Joven
Lettera di Gesù a te: dalla mia croce alla tu...
LUXOR FILM FESTIVAL
Zoe Romanowsky
Un filmato potente di appena un minuto sul ma...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni