Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Aprile |
San Giorgio
home iconChiesa
line break icon

“Capovilla ha tenuto viva l’eredità di Papa Roncalli con ogni forma popolare e culturale”

CATHOLICPRESSPHOTO

<span class="standardtextnolink">Mons. Loris Francesco Capovilla</span> <span class="standardtextlabel">Creation Date:</span> <span class="standardtextnolink">01/16/2014</span>

Vatican Insider - pubblicato il 26/05/16

Pubblichiamo un ricordo di monsignor Malnati sul Cardinale - morto oggi all’età di 100 anni - che fu Segretario di san Giovanni XXIII

di Monsignor Ettore Malnati

Ha concluso la sua lunga e operosa giornata terrena il cardinale Loris Capovilla, segretario di Giovanni XXIII, il papa del Concilio Vaticano II, rete veneziano scelto da Roncalli quale collaboratore fino alla sua morte avvenuta il 3 giugno 1963.

Capovilla fu nominato arcivescovo di Chieti e poi delegato pontificio di Loreto da papa Paolo VI.

Tenne viva l’eredità di Papa Giovanni non solo con la pubblicazione degli scritti spirituali e delle relazioni epistolari, ma anche con ogni altra forma popolare e culturale su quella primavera della Chiesa che ebbe in Giovanni XXIII un propulsore.

Don Primo Mazzolari ebbe a dire che con Papa Giovanni a Roma c’era un cuore. Il mondo lo percepì.

Capovilla ha dedicato tutta la sua esistenza nello stile di Papa Roncalli a tener vivo il dialogo con la grande tradizione religiosa dell’ebraismo; con la comunità di Taizè alla quale fece dono del breviario di Papa Giovanni che, io lo posso testimoniare, è tenuto nella cella che fu di fratel Schutz;con le varie Chiese ortodosse. Il patriarca Bartolomeo lo incontrò personalmente a Sotto il Monte. Tenne contatti epistolari con uomini di cultura, giornalisti, uomini politici, come Gorbačëv, operai, giovani, imprenditori, missionari, sacerdoti e persone di ogni credo e anche non credenti.

Capovilla ha sempre lasciato la porta di Cà Maitino e del suo cuore aperta a tutti, meno che agli arroganti di turno. Il suo telefono squillava a ogni piè sospinto. Vi era sempre una buona parola e soprattutto pensieri di coerenza e di stigmatizzazione verso qualsiasi radicalismo.

Amò la città, la spiritualità e la laicità di Trieste, crocevia di religioni e di culture.

Ebbe la gioia di vedere Giovanni XXIII alla gloria degli altari.

Fui accanto a Lui a Roma per la beatificazione di Papa Roncalli. Ebbi da Lui molte confidenze sulla necessità di un «aggiornamento», come lo chiamava papa Giovanni XXIII, della Chiesa e del modo di ascoltare e di essere nel mondo.

L’elezione di Papa Bergoglio ha portato il sole nei suoi pensieri e nelle sue speranze.

* Vicario episcopale per il laicato e la cultura – Diocesi di Trieste

Tags:
san giovanni xxiii
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni