Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Aprile |
San Giorgio
home iconChiesa
line break icon

Il dono di un “samaritano del mare” che ha commosso il pontefice

Cortesia per Aleteia di Oscar Camps

Ary Waldir Ramos Díaz - Aleteia - pubblicato il 26/05/16

Al termine dell’udienza generale, il papa ha ricordato che “è un dovere di tutti proteggere i bambini, soprattutto quelli esposti ad elevato rischio di sfruttamento, tratta e condotte devianti”.

Nel mezzo della crisi umanitaria di rifugiati che l’Europa non riesce ancora a risolvere, ci sono uomini e donne “buoni samaritani” che stanno mettendo in pratica le opere di misericordia senza ideologie o pregiudizi di razza, condizione sociale o religione, scandagliando il mar Egeo per salvare vite umane.

Camps ha denunciato il ritardo degli aiuti e l’inefficacia delle politiche europee, e ha definito “disumano” l’accordo con la Turchia.

“Si vede troppo interesse per disporre risorse per deportare o mettere sotto il tappeto una realtà”, ha affermato.

Secondo il soccorritore, i politici “non sanno gestire la situazione” e mancano “risorse per un passaggio sicuro”.

Al papa a Lesbo è stata nascosta parte della verità

In questo senso, ha sostenuto di portare una versione diversa da quella ufficiale. “A volte le versioni ufficiali si allontanano dalla realtà, la camuffano o la nascondono”, ha sostenuto.

“Nel viaggio (del papa) a Lesbo, i campi di rifugiati sono stati sistemati e ripuliti e sono state scelte le strade, è stato messo tutto a posto. Per noi questa è una versione ufficiale”.

La cronaca del 26 aprile rivela infatti che ci sono state delle rivolte nel campo di rifugiati di Lesbo con la ripresa delle deportazioni in Turchia. I minori non accompagnati hanno aperto un varco nella recinzione per chiedere di essere liberati.

“Noi abbiamo portato la nostra versione e l’abbiamo potuta consegnare a mano per iscritto perché il papa sia consapevole dei fatti e possa avere a disposizione queste informazioni per farne buon uso”, ha rivelato Camps.

Il rappresentante di Proactiva open arms ha quindi lodato il viaggio del pontefice. “Il fatto che sia arrivato lì così rapidamente e in modo improvvisato dimostra che voleva proprio far concentrare gli occhi del mondo sul luogo in cui si era delineato il trattato tra Europa e Turchia”.

L’impegno di papa Francesco nei confronti dei rifugiati

Il trattato “non rispetta i diritti umani e non crediamo che sia legale. Papa Francesco è arrivato e si è portato via alcune famiglie che erano a Lesbo dimostrando a tutti che è questo che si deve fare”, ha osservato Camps.

“Sogno un’Europa in cui essere migrante non sia delitto bensì un invito ad un maggiore impegno nei confronti della dignità di ogni essere umano”, ha affermato il papa ricevendo il Premio Carlo Magno in Vaticano il 6 maggio scorso.

Camps ha quindi sottolineato la “capacità di influenza fondamentale” di papa Francesco, al di là del fatto di essere il “rappresentante di una religione”, nella causa della difesa della vita e dei diritti umani.

“Noi vediamo i rifugiati come persone, non come musulmani o altro. Vediamo persone che soffrono, che muoiono. Aiutiamo persone che affogano. Non vediamo altro che persone”, ha ricordato il soccorritore.

“E questa”, ha aggiunto, “è la visione che papa Francesco trasmette e per la quale lo ringraziamo. Qualcuno alzi la testa e dica: ‘Cosa stiamo facendo?’ E lo dica a tutti”. “Il papa può essere un esempio”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
lesbopapa francescorifugiati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa sui cristiani “malati” di protagonismo: non d...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
5
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
6
PRIEST,ROMAN,COLLAR
Ary Waldir Ramos Díaz
Aveva un contratto con la Roma, ma ha preferito firmare con Dio
7
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni