Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 07 Febbraio |
Beato Pio IX
Aleteia logo
Approfondimenti
separateurCreated with Sketch.

Due malfattori di professione. Uno entrò in Paradiso

ladroni2-e1397827059728

Don Fortunato Di Noto - pubblicato il 25/05/16

Ma chi sono i due ladroni crocifissi insieme a Gesù? E che crimini avevano commesso?

Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e anche noi!». Ma l’altro lo rimproverava: «Neanche tu hai timore di Dio e sei dannato alla stessa pena? Noi giustamente, perché riceviamo il giusto per le nostre azioni, egli invece non ha fatto nulla di male». E aggiunse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità ti dico, oggi sarai con me nel paradiso» (Luca. 23, 39-43).

Non ha timore di Dio….riceviamo il giusto per le nostre azioni. Oggi sarai con me in paradiso.Il convertito nell’ora estrema della sua vita. L’altro che non si converte e non riconosce Dio e la gravità delle sue azioni. Il convertito alla fine entrerà nel paradiso. La parola paradiso è rara, non è molto riportata dalle Scritture. Evoca, a quanto pare, un luogo fertile e fiorito. Dopo una vita di deserto, di aridità di male e sangue, di guerra e tragedie, Lui ci promette questa nuova terra di luce e di pace. Chi di noi non desidera questi pascoli erbosi dove riposare e stare in pace con sé e con gli altri. In pace: tanto desiderata, agognata. Chi fa il male infatti non è in pace e rende tutto oscuro, lacerante, morte e sangue.

Ma chi erano questi malfattori di professione(kakourgoi, in greco, una parola che include tanti gravi misfatti e crimini anche aberranti, indicibili)? Rimarranno senza nome, i Vangeli canonici non li riportano. Qualche esegeta interpreta questa mancanza identificativa: siamo tutti noi, è l’umanità. Avranno ragione? Comunque sia i Vangeli non tramandano né i nomi, né quali crimini abbiano commesso. Nel Vangelo secondo Marco (15,28) entrambi divengono lo strumento per mezzo del quale si adempie la frase del profeta Isaia: «E fu annoverato tra i malfattori» (Is 53,12). Ma i Vangeli apocrifi, con molta dovizia di precisione elencano le male-gesta di questi due chiamati Gesta e Dema. Sembrano personaggi di oggi. Usciti dalle più raffinate menti di serial killer; profili criminali impressionanti tra mostri disumani e benefattori mafiosi; assassini seriali e stupratori omicidi di donne e bambini. Uno beveva sangue di bambini, dopo averli mutilati, e l’altro generosamente seppelliva i morti poveri, dopo aver rubato e corrotto.

Traggo i loro profili, i loro identikit dal Vangelo di Nicodemo o Narrazione di Giuseppe da Arimatea (1) che chiese il corpo del Signore, in cui sono contenuti anche i motivi della condanna dei due ladroni. Il primo, di nome Gesta, aveva assassinato dei viandanti e depredato altri, appeso donne con i piedi in alto e la testa in basso e tagliato loro i seni, e bevuto il sangue dei bambini, dopo averli mutilati; non aveva mai riconosciuto alcun dio, né obbedito ad alcuna legge: si era comportato così fin dall’inizio della sua vita. Un malfattore di professione, con un animo sadico, malato, cattivo.

Ecco invece qual era la situazione dell’altro.

Si chiamava Dema, era galileo e aveva un albergo; ospitava i ricchi, ma faceva anche del bene ai bisognosi e, come Tobia, seppelliva segretamente i morti poveri; si industriava di derubare i beni degli Ebrei, rubò anche i rotoli della Torah a Gerusalemme; depredò la stessa figlia di Caifa, sacerdotessa del santuario, e sottrasse persino il deposito segreto collocatovi da Salomone.

Si racconta – nei Vangeli dell’infanzia – anche che faceva parte di una banda che catturò la Sacra Famiglia al tempo della fuga in Egitto, ma che poi, incantata dal Bambino, la rilasciò libera. Queste le azioni delle quali si era reso colpevole. Un malfattore di professione con l’animo buono.

Si percepisce in modo chiaro la diversità dei loro misfatti ed impressiona la crudeltà dei crimini di Gesta: il dominio sulla vittima. Aveva assassinato alcuni viandanti e depredato altri, appeso donne con i piedi in alto e la testa in basso e tagliato loro i seni, e bevuto il sangue dei bambini, dopo averli mutilati. Viandanti, donne e bambini. Gesù sembra non ascoltarlo. Non lo so, forse ama anche il suo non pentimento. Lui, Gesù è pienezza dell’Amore. Sembra non salvarlo. Non voglio farmi interprete della volontà di Dio Amore – ma non dice nulla, rimane in silenzio, non risponde alla provocazione crudele e ancora disumana, non lo porta con sé in paradiso. E’ di un sadismo criminale che con scientifica razionalità compie ogni sorta di azione volta al male, rifiutando ogni limitazione imposta dalla morale comune, riconoscendo lui stesso dio di se stesso; fino alla fine. Il sadico vuole e pretende obbedienza, nessuna autorità, né tantomeno Dio, non riconosce neanche chi è crocifisso come lui, chi è tra due malfattori, ma è Gesù, misericordia del Padre. Prova piacere e gratificazione psicologica nel maltrattare i familiari, nelle sconfitte e nel dolore altrui. Si compiace del dolore altrui anche se crocifisso per la stessa pena.

Gesù non si è mai tirato indietro, e anche dai benpensanti viene collocato tra la gente di malaffare. Ha abitato volentieri e senza paura con ladri, prostitute e peccatori pubblici. Sembra aver fatto dei bassifondi la propria casa e andare a morire tra i malfattori è un andare a morire a casa. Non è questo il problema. Ma desidera che i malfattori si convertano, che fino all’ultimo riconoscano il male compiuto e che si pentano, che chiedano il paradiso, di stare con Lui: volto misericordioso del Padre.

Uno dei malfattori, che la tradizione chiamerà buon ladrone, lo riconosce; in Gesù vede l’amore che abbraccia, giustifica, redime e dona vita nuova. Dell’altro non se ne parlerà più.

In questi due malfattori di professione vediamo le gesta di questa umanità spesso disumana dove alcuni scelgono fino alla fine il rifiuto dell’Amore di Dio, dell’amore per l’umanità, neanche il pianto di un infante frena la mano omicida e perversa. Altri si ritrovano in Dio e iniziano un cammino di conversione e di riconciliazione. Nel grande mistero del male, solo alcuni cambiano la strada che porta alla perdizione, chiedendo il paradiso. Un insegnamento sempre vivo e attuale dove sembra che il male prevalga. Ma non deve essere così. Noi lo diciamo: basta bere sangue degli innocenti. Non voglio essere Gesta.

——
1) Il personaggio di Giuseppe di Arimatea è molto importante nell’ambito della tradizione cristiana, a ragione del fatto che egli è citato in tutti e quattro i Vangeli canonici, più negli Apocrifi, in particolare negli “Atti di Pilato”, un testo che è noto anche come “Vangelo di Nicodemo” o “Narrazione di Giuseppe”. Ulteriori dettagli su Giuseppe vengono dati da alcuni autori cristiani delle origini, come Ireneo da Lione, Ippolito di Roma, Tertulliano, Eusebio di Cesarea, Ilario di Poitiers e Giovanni Crisostomo.

Tags:
dalvangelodioggipassione di cristotestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni