Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Gennaio |
Sant'Angela Merici
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

Una sorpresa nascosta nel cuore della Cappella Sistina

creation-of-man-1159966_640

Pixabay.com/Public Domain/ © janeb13

Leigh Anderson - pubblicato il 24/05/16

Gli straordinari dipinti della Cappella sono sia una storia d'amore che una riflessione sul nostro posto nel dramma umano

Quanto sapete della Cappella Sistina? Sapevate, ad esempio, che all’inizio era la cappella privata delle élites della Chiesa? La Cappella, che attira ogni anno 5 milioni di visitatori, non è solo una tappa obbligata in un tour della storia dell’arte in Italia, ma anche una storia vivente della Chiesa e delle sue influenze, che spaziano da cambiamenti globali e geopolitici a piccoli feudi personali. Questo intervento della storica dell’arte Elizabeth Lev sottolinea l’evoluzione della Cappella in tre stadi.

L’intervento, pronunciato a Ginevra nel dicembre scorso e della durata di 17 minuti, è una lezione di storia dell’arte breve ma completa, arricchita da straordinarie fotografie della Cappella.

Se avete fretta, andate subito al punto 8:50, in cui la Lev parla della collocazione di Eva, il dettaglio che le ha fatto capire che “questa rappresentazione del dramma umano ha sempre riguardato uomini e donne – al punto che il centro esatto, il cuore del soffitto, è la creazione della donna, non di Adamo”. La rappresentazione di Eva, la cui mano si stringe intorno al braccio di Dio, è un dettaglio che l’osservatore distratto potrebbe perdersi senza la spiegazione della storica dell’arte.

L’alleanza storica di papa Giulio II e Michelangelo e la loro visione artistica condivisa spiega perché la Cappella Sistina sarà probabilmente sempre molto importante: osservando le storie intricate dipinte da Michelangelo, ci interroghiamo sul nostro piccolo ruolo nel lungo dramma umano. Ci chiediamo come vediamo noi stessi nel contesto della storia e nell’evoluzione della Chiesa. Ci chiediamo: “Come vogliamo vivere la nostra vita?”

Come conclude la Lev, “la Cappella Sistina ci costringe a guardare come in uno specchio. Chi sono io in questo dipinto? Sono uno della folla? Sono il tizio ubriaco? Sono l’atleta? E mentre lasciamo questo porto di bellezza edificante, siamo ispirati a porci le domande più importanti della vita: chi sono, e che ruolo ho nel grande teatro della vita?”

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
cappella sistinamichelangelosan pietro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni