Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

3 bugie sulla Chiesa Cattolica a cui hai creduto anche tu

Condividi

…e come correggerle

3. La Chiesa Cattolica è contro la scienza

Se chiedete alle persone cosa pensano del rapporto tra Chiesa e scienza, molti di loro probabilmente risponderanno: “Galileo!”. La Chiesa Cattolica non riesce a sbarazzarsi di quella controversia, nonostante la scienza debba così tanto alla Chiesa e agli scienziati cattolici. Inoltre, la questione Galileo è leggermente più complicata di quello che molte persone credono  (toh, che sorpresa!). Ad ogni modo, cari lettori, la Chiesa Cattolica non è contro la scienza. La teoria del Big bang theory? L’ha formulata un sacerdote. Il pioniere della genetica Gregor Mendel? Era un frate agostiniano. E la lista va avanti. Per farla breve, questa menzogna è totalmente infondata, eppure continua a sopravvivere e si sta diffondendo molto, come dimostra una recente gaffe di Katie Couric. (Ulteriori informazioni: The Myth of Catholic IrrationalityA War Between Science and Religion?) 

Teacher writing a science formula
© Dusit/SHUTTERSTOCK

Ovviamente questa non è una lista esauriente sulle menzogne e sulla disinformazione che circolano sulla Chiesa Cattolica. Ma so in prima persona – io stessa ero solita alzare gli occhi al cielo quando il mio padre teologico difendeva le Crociate – come la cultura prevalente possa influenzare la visione che abbiamo della Chiesa. E sta a noi risalire alle fonti e parlare dei fatti; così facendo il nostro modo di vedere le cose sarà rafforzato e sapremo difendere la Chiesa, ancora meglio, da questi attacchi semplicistici.

Se vi interessa conoscere di più questi argomenti, vi segnalo il libro che lo storico battista Rodney Stark, ha scritto recentemente: Bearing False Witness: Debunking Centuries of Anti-Catholic History. Nel libro vengono smontati alcuni miti sulla Chiesa Cattolica, diventati popolari nella storiografia odierna a causa di quelli che lui chiama “bigotti distinti”. In una cultura sempre più anti-cristiana, il resto di noi fratelli e sorelle in Cristo farebbe bene a seguire le orme di Stark. Perché, che ci piaccia o meno, nella cultura secolare un cristiano è un cristiano, senza troppo spazio per le distinzioni.

Voglio concludere dicendo che difendere la Chiesa non vuol dire arrivare a difendere l’indifendibile. Non c’è bisogno di edulcorare la storia della Chiesa. Ci sono scheletri nei nostri armadi, e questo è un dato di fatto. Nessun’istituzione gestita da esseri umani per secoli può sfuggire a scandali e peccati. Ma in una cultura che attacca continuamente la loro fede, i cattolici non devono abbassarsi ogni volta che viene mossa una critica alla Chiesa con motivazioni semplicistiche e piene di stereotipi. Non c’è un solo passaggio nella Bibbia che dice che i cristiani devono essere degli zerbini. Non dobbiamo surriscaldarci nel difendere la verità, ma possiamo far notare agli altri quando hanno torto per correggere delle bugie che si stanno diffondendo. E che si stanno diffondendo rapidamente.

Quali sono alcune delle bugie sulla Chiesa che hai sentito? E come hai risposto?

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.