Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 08 Maggio |
Santa Maddalena di Canossa
home iconStorie
line break icon

Con l’abito o senza, chi sono le “vere” suore?

Jeffrey Bruno

Elizabeth Scalia - Aleteia - pubblicato il 23/05/16

Un'occhiata alle origini di alcuni abiti, e perché potrebbero essere necessari o meno a una comunità

Sui social media, il tema delle suore e delle sorelle, e di chi siano quelle “autentiche”, può far accalorare la gente come poche altre cose. Alcuni insistono sul fatto che l’unica suora “vera” è quella che indossa un abito, altri che le “vere” suore sono quelle che hanno abbandonato l’abito e hanno preso un impegno totale con il mondo, i tempi e le mode.

La verità è da qualche parte nel mezzo: l’autentica vita religiosa deve avere in sé elementi di comunione, devozione e contemplazione per promuovere la forza nella comunità, ma deve anche essere in sintonia con i tempi se un gruppo vuole rendere un vero servizio alla Chiesa.

Lasciando da parte gli ordini monastici perché il monachesimo è molto diverso dalla vita religiosa apostolica, vale la pena di analizzare, in modo molto generale, come si è formata la maggior parte degli ordini religiosi femminili (non tutti) e come le loro comunità si sono sviluppate a livello spirituale e sociale.

1

In genere un ordine religioso è nato da un bisogno identificato. Le Piccole Sorelle dei Poveri si sono sviluppate attraverso la semplice azione di una donna francese, Santa Jeanne Jugan, che ha visto una povera donna anziana per strada e l’ha portata a casa sua. La Jugan ha visto presto che gli anziani poveri venivano trascurati e ha deciso di agire, facendo la differenza.

In modo simile, Santa Thérèse Couderc, fondatrice delle Sorelle del Cenacolo, ha visto delle pellegrine che avevano bisogno di alloggi sicuri, educazione e direzione spirituale ed è entrata in azione.

Sia le Piccole Sorelle che le Sorelle del Cenacolo sono state fondate da donne francesi che hanno risposto alla spinta dell’amore e dello Spirito Santo. Mentre perseguivano la loro chiamata, altre donne hanno chiesto di unirsi a loro e di condividere l’opera che svolgevano. Entrambi gli ordini si sono evoluti in un modello “contemplativo/attivo” che era diventato la norma per gli ordini religiosi “attivi”: le donne lavoravano “fuori”, in pubblico – tra e al servizio del laicato –, ma al di là di questo lavoro si separavano, vivendo e pregando insieme come comunità, con la Messa quotidiana e una certa quantità di preghiere liturgiche, silenzio e ricreazione. L’idea era che per sostenere i loro ministeri, che non erano semplici, le suore avessero bisogno della stabilità di un luogo in cui vivere e di opportunità di “sollievo” sia individuale che comunitario.

Prendere i voti stabilizzava ulteriormente le comunità – sapevano quali persone sarebbero state nelle loro file, quali

2

erano i loro doni e dove sarebbero state più utili –, e gli ordini apostolici femminili sono fioriti, soprattutto dal XIX secolo al XX, quando la Chiesa post-bellica sembrava ricca di vocazioni al sacerdozio e alla vita religiosa.

La rivoluzione sociale e sessuale degli anni Sessanta, combinata con un Concilio Vaticano II che intendeva aprire le finestre della Chiesa per far entrare un po’ d’aria fresca e si è trovato davanti a un vortice, ha apportato dei cambiamenti al modello contemplativo/attivo. Le opportunità di carriera si sono ampliate e la contraccezione artificiale ha “liberato” le donne, e quindi il numero di quelle che prendevano in considerazione la vita religiosa è crollato. Le donne religiose hanno letto i documenti conciliari, nella fattispecie la Gaudium et spes e la Lumen gentium, e vi hanno trovato una chiamata a un’ulteriore evoluzione e a una definizione della vita religiosa, che implicava, tra le altre cose, un coinvolgimento più ampio con il Popolo di Dio e un ritorno alle radici dei loro carismi.

Un documento conciliare che viene menzionato raramente quando si parla della questione degli abiti religiosi è il decreto sul rinnovamento della vita religiosa Perfectae Caritatis, che consigliava di adattare gli abiti religiosi in modi pratici.

L’abito religioso, segno della consacrazione, sia semplice e modesto, povero e nello stesso tempo decoroso, come pure rispondente alle esigenze della salute e adatto sia ai tempi e ai luoghi, sia alle necessità dell’apostolato. Gli abiti dei religiosi e delle religiose che non concordano con queste norme, siano modificati.

Il decreto non ha mai detto di abbandonare l’abito, lasciando a ogni comunità il compito di interpretare la propria missione e di stabilire di conseguenza le norme relative al vestiario.

  • 1
  • 2
Tags:
suore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
3
Annalisa Teggi
Intrappolata in un macchinario tessile: muore Luana, mamma di 22 ...
4
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni