Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 08 Marzo |
Sante Perpetua e Felicita
home iconStile di vita
line break icon

L’insegnamento cattolico che dà una risposta a 16 questioni

Hal_P/Shutterstock

Tom Hoopes - pubblicato il 23/05/16

Se anima e corpo sono una cosa sola, ne consegue che...

Negli esseri umani, anima e corpo sono uno. Non siamo delle anime intrappolate in un corpo e in attesa di essere liberate. Né siamo soltanto dei corpi che hanno sviluppato delle funzioni cerebrali superiori.

La Chiesa parla della “profonda” unione tra anima e corpo. Spirito e materia “non sono due nature congiunte, ma la loro unione forma un’unica natura”.

Non è facile mettere sufficiente enfasi su quanto sia importante questo insegnamento e su quanto possa essere semplice fraintenderlo. Ecco 16 verità che conseguono dall’unione tra anima e corpo.

1. L’essere umano è nobile.

“Che capolavoro è l’uomo!”, ha detto Amleto. “Così nobile nella ragione, così infinito nelle facoltà e per forma e moto così perfetto e ammirevole! E nell’azione così simile a un angelo! E a un Dio nell’intelletto! Lui, la bellezza del mondo! Il paragone degli animali!”

È così. Siamo in parte animali e in parte “angeli”; siamo fatti di polvere e sogniamo di raggiungere le stelle. Il libro della Genesi esprime lo stesso concetto dicendo che Dio ci ha formati dalla polvere della terra e ha soffiato in noi un alito vitale.

Se la Chiesa ha ragione, siamo nobili e belli; se la Chiesa ha torto, siamo soltanto dei ricettacoli di piacere autonomi e altamente sviluppati.

2. L’arte può essere grandiosa.

Quando creiamo arte, esprimiamo idee intangibili attraverso la materia che tocchiamo, gustiamo, ascoltiamo o vediamo. L’arte utilizza i nostri sensi per parlare alla nostra anima.

Se la Chiesa ha ragione sull’anima e sul corpo, l’arte è un canale per una bellezza che trascende da noi. Se la Chiesa ha torto, l’arte è soltanto un esercizio di ingenuità in cui l’occhio finisce col diventare ancora meno soddisfatto.

Sistine Chapel Paintings - The Creation of Adam - Michelangelo (1475–1564) - HERO-1440x600 - Public Domain

3. Le regole sono importanti.

Ciò che noi facciamo con il nostro corpo, spesso indipendentemente dalle nostre intenzioni interiori, è ciò che importa davvero. Noi siamo il nostro corpo, e siamo responsabili delle nostre azioni.

Ma se la Chiesa ha torto, non abbiamo diritto di accusare o di trovare colpevolezza l’uno nell’altro, perché non possiamo in alcun modo giudicare le intenzioni degli altri, o perché il loro corpo sta semplicemente rispondendo a forze di cui non sono responsabili.

4. L’incarnazione di Dio è possibile.

Le prime eresie cristologiche sono state dei tentativi di separare tra loro la divinità e l’umanità di Gesù Cristo. Dio era la sua anima ma non il suo corpo? È un dio minore a causa della sua corporeità? È diventato Dio dopo essersi battezzato? L’unione tra anima e corpo dà una soluzione a queste eresie: Lui è sempre stato, dall’inizio, ciò che è: pienamente Dio e pienamente uomo.

Se la Chiesa ha torto sull’unione tra anima e corpo, Gesù non può essere Dio e noi non possiamo essere redenti. Se la Chiesa ha ragione, la nostra fede non è a vuoto.

christmas-crib-figures-1060021_640
Pixabay.com/Public Domain

5. L’aspetto delle chiese è importante.

Se anima e corpo non sono uno, non importa come siano esteriormente le chiese, che rappresentano il corpo. Se anima e corpo sono uno, invece, gli edifici di culto devono dare grande testimonianza della maestà di Dio.

6. Il modo in cui decoriamo le chiese è importante.

Senza questo insegnamento, le chiese sarebbero spoglie o incentrate su forme geometriche per impedire il nostro corpo di distrarci dalla nostra anima. Questo insegnamento, invece, ci spinge a riempirle di icone e statue che possano attrarre la nostra natura corporea.

7. I sacramenti sono necessari.

Senza questo insegnamento, sarebbe inutile ricorrere alla materia per diffondere grazia.

Con questo insegnamento, possiamo accedere alla grazia attraverso cose ordinarie che vengono trasformate dai sacerdoti: acqua, pane, una mano unta, la parola pronunciata.

Calice vino eucaristia
© Public Domain

  • 1
  • 2
Tags:
abortoanimaartecorpoideologia gendermatrimoniomisericordiasacramentisessualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
6
MADONNA
Maria Paola Daud
La curiosa immagine della Vergine Maria protettrice dal Coronavir...
7
Paola Belletti
Laura Magli, giornalista Mediaset: “Mi sento così amata dal...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni