Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 02 Marzo |
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Perché una campionessa di scherma si “rinchiude” in un convento di clausura?

3xavzw83z4hdaqg4ie3kdtd35tldyqeharxks_1fuv6td3ogqd0ywuqmdgtgl1k8la0slnsbswflxwt-yeuj3l3-b3q

© Joaquin l / Flickr / CC

Alvaro Real - pubblicato il 20/05/16

Aveva successo, usciva la sera, vinceva campionati nazionali ma continuava a chiedersi: “E adesso?”

Ha 39 anni e vive nel convento spagnolo di Lerma da 21. Leticia è di Burgos e ha una storia speciale con Dio. Oggi è suor María Leticia di Cristo Crocifisso, maestra delle novizie a Lerma, ma in passato è stata una ragazza come tante. Una ragazza di successo, ma che ha iniziato a chiedersi “E adesso?” e ha deciso di cercare l’amore infinito. E lo ha trovato.

Suor Leticia ha offerto la sua testimonianza a Fin de Semana COPE, ricordando che non proviene da una famiglia credente e che è stata educata nella libertà. “Mio padre si dichiarava ateo, mia madre di tanto in tanto andava a Messa (la domenica o ai funerali) e mia nonna era testimone di Geova”, ha spiegato.

Presto è approdata allo sport, raggiungendo importanti traguardi: “Sono stata campionessa, ho scoperto cosa fosse il successo, uscivo la sera, avevo dei ragazzi, ma quando tornavo in albergo dopo un campionato mi chiedevo sempre: ‘E adesso?’ Sentivo dentro di me un abisso enorme. C’era un vuoto che mi faceva morire”.

Nello sport, ha spiegato, era molto felice, ma sentiva che la felicità completa non era possibile. Le era stato anche chiesto di prepararsi per le Olimpiadi di Atlanta. “Umanamente provi una grande soddisfazione, ti fanno credere di essere un dio, ma… e poi?”

Un giorno, uscendo da una discoteca si è imbattuta in una chiesa. È entrata e ha iniziato a pregare. “Sentivo che c’era qualcuno di vivente, che non era un racconto. Dio è reale, indipendentemente da noi”.

Dopo quell’esperienza è andata avanti con lo sport e con il vuoto che provava, ma non smetteva di pensare a ciò che era accaduto in quella chiesa. Poco dopo suo padre si è ammalato di tumore al rene e lei ha deciso di “sfidare” Dio: “Se guarisci mio padre ti cerco davvero”.

Il padre è guarito, e lei ha compiuto un’esperienza nel monastero di Lerma. Lì è cambiato tutto, ha trovato quello che cercava, ha conosciuto Dio in persona. “Provavo una pace immensa. Ho scoperto che non è una teoria né una morale”.

“Avevo un ragazzo e gli ho detto: ‘Mi dispiace, ti lascio perché ho trovato un amore superiore a qualsiasi amore umano’”.

Oggi suor Leticia vive e si sente “totalmente amata”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
clausurasuoratestimonianze di vita e di fede
Top 10
See More