Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

17 gradi di perfezione, secondo San Giovanni della Croce

Disegno originale di San Giovanni della Croce - Public Domain
Condividi

Suggerimenti di un santo per essere santi

 

  1. Non mancare mai alla preghiera, e quando si sperimentano aridità e difficoltà perseverare in essa proprio per questo, perché Dio spesso vuole vedere cosa c’è nell’anima, e questo non si prova facilmente né con piacere.

 

  1. Scegliere sempre il luogo più basso e l’ufficio più infimo.

 

  1. Non intromettersi mai nelle cose di cui non si è stati incaricati, né discutere su qualcosa anche se si ha ragione. Per quanto riguarda le cose che sono state ordinate, non pensare di fare ciò a cui una buona analisi mostra che nulla obbliga.

 

  1. Non occuparsi delle cose altrui, siano esse buone o cattive, perché oltre al pericolo di peccare questa occupazione provoca distrazione e rende lo spirito meschino.

 

  1. Cercare sempre di confessarsi con una profonda conoscenza della propria miseria e con sincerità cristallina.

 

  1. Anche se le cose che si devono fare per dovere e ufficio diventano difficili e noiose, non scoraggiarsi, perché non sarà sempre così, e Dio (…) farà sentire in breve il bene e il guadagno ottenuto.

 

  1. Ricordare sempre che tutto ciò che succede, favorevole o avverso, viene da Dio, per non cadere da un lato nella superbia e dall’altro nello scoraggiamento.

 

  1. Ricordare sempre che siamo qui solo per essere santi, e non permettere quindi che nell’anima regni ciò che non porta alla santità.

 

  1. Cercare sempre di rendere più felici gli altri che se stessi, e in relazione al prossimo non provare invidia né senso di predominio. Questo, però, va inteso in base a ciò che si adegua alla perfezione, perché Dio non è felice se non si antepone ciò che gli è gradito al beneplacito degli uomini.

 

 

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

 

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni