Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

5 consigli per creare un’intimità duratura nel matrimonio

Unsplash.com
Condividi

Una complicità sessuale forte e soddisfacente dopo il matrimonio richiede un po’ di lavoro e di riflessione

L’anello di fidanzamento è ormai al dito, la chiesa e il posto in cui si svolgerà il ricevimento sono prenotati. Ci sono vestiti da provare, torte da assaggiare e inviti da mandare – per non parlare delle feste di fidanzamento, dei membri della famiglia estesa da incontrare e così via. E se ci si concentrasse più sul rapporto che sui dettagli della pianificazione?

Consulenti ed esperti di rapporti dicono che ci sono buoni motivi per aggiungere un nuovo punto alla pianificazione del matrimonio: parlare di come poter essere certi che il giorno delle nozze sia l’inizio di un’unione davvero intima e soddisfacente. Gli esperti dicono infatti che il sesso nel matrimonio è ben più significativo quando una coppia è legata in modo saldo.

“Come non puoi volare senza ali, non puoi avere una buona sessualità nel matrimonio senza una solida base emotiva”, afferma la terapeuta esperta in matrimonio e famiglia Jennine Estes, di San Diego.

Come possono marito e moglie prepararsi a gettare questo tipo di base? Ecco cinque suggerimenti di professionisti che lavorano ogni giorno con le coppie su come assicurare che l’intimità matrimoniale sia una parte soddisfacente e fondamentale del proprio rapporto.

1. Fate spazio a un consulente sul vostro materasso

La consulenza è un modo intelligente per gettare basi solide per un matrimonio. Se il famoso avventuriero Bear Grylls è apparso di recente sui giornali per aver ammesso che lui e sua moglie hanno cercato una consulenza quando erano ancora felici sposi novelli come misura proattiva per rafforzare il loro rapporto, la maggior parte degli esperti concorda sull’importanza della consulenza durante il fidanzamento e sul collegamento tra il legame emotivo e quello sessuale.

“Una coppia dovrebbe programmare una consulenza prematrimoniale all’inizio del periodo del fidanzamento”, ha affermato il dottor Dale Keeton, consulente cristiano su matrimonio e famiglia a Washington, D.C. “Se i futuri sposi aspettano fino a un mese prima del matrimonio o giù di lì, probabilmente saranno troppo presi dai preparativi per dare sufficiente attenzione mentale ed emotiva al processo di consulenza”.

Per Keeton, un regalo di matrimonio ideale da parte dei parenti stretti potrebbe essere un buono per una consulenza prematrimoniale o per un ritiro prematrimoniale.

“Ho spesso pensato che fosse ironico che una coppia spenda 10.000 dollari (o molto di più) per un matrimonio e non ne spenda 400 o 500 per qualche ora dedicata a sviluppare un matrimonio sano”, ha dichiarato.

La consulente Nancy Piña ha affermato che prima del matrimonio è fondamentale affrontare le sfide specifiche delle proprie esperienze passate e degli anni formativi.
“Imbarcarsi nel matrimonio con forti barriere all’intimità è ingiusto nei confronti del futuro coniuge e in futuro provocherà stress, tensione e ansia”, sostiene. “Un matrimonio emotivamente sano offrirà un livello di guarigione, ma aspettarsi che il coniuge sia la fonte della guarigione è non solo ingiusto, ma anche irrealistico”.

Un consulente avrà anche gli strumenti per far fronte a questioni che possono influire sulla vita matrimoniale di una coppia, come traumi del passato, problemi di immagine corporea, dipendenze…

“Alcune questioni fondamentali, come la paura dell’intimità e la dipendenza dalla pornografia, richiedono sicuramente una piena comprensione e una chiara aspettativa di come questo potrebbe influire sul matrimonio”, osserva Mike Hattabaugh, formatore a livello di rapporti, scrittore e docente di comunicazione. “Più si riesce ad essere aperti prima di dire ‘Sì’, più si sarà capaci di risolvere i problemi”.

2. Cercate i consigli di una coppia felicemente sposata

Per millenni, le giovani coppie sono state incoraggiate a consultarsi con coppie sposate da molto tempo per avere suggerimenti e perle di saggeza su come avere un matrimonio felice. Questo include tutti gli aspetti della vita insieme dei coniugi, compresa l’intimità fisica.

Ovviamente ci vogliono apertura e coraggio per discutere e condividere aspetti profondamente personali di un rapporto come il sesso o le questioni emotive che influiscono su un matrimonio nel corso degli anni, ma molte coppie felicemente sposate da tempo sono felici di condividere i propri segreti su come siano riuscite a far funzionare la cosa.

“La realtà è che la maggior parte delle coppie non sa molto su come andrà il sesso nel loro rapporto”, ha detto Hattabaugh. “Un’altra coppia può aiutarle a comprendere che può essere una bellissima parte del matrimonio se capiscono che richiede tempo e sforzo”.

Può sembrare un po’ strano porre domande personali a una coppia che magari non si conosce bene, ma bisogna approfittare della saggezza che si può trarre da coloro il cui matrimonio ha resistito a molte vicissitudini ed è ancora felice.

3. Dimenticate quello che vi dice la società

La nostra società è da molti punti di vista satura di sesso e non sostiene le cose che rendono un matrimonio sano e felice. I consigli che troviamo sulle riviste possono dissipare parte del mistero dell’intimità fisica e promuovere l’idea falsa che ci sia un “modo giusto” per stare con il proprio partner, ma in realtà è il contrario: un matrimonio è l’unione di due persone uniche, e solo loro possono determinare il modo in cui il loro rapporto dovrebbe procedere e crescere.

“Sono il rafforzamento quotidiano del legame matrimoniale e l’approfondimento dell’intimità nell’aspetto amicale del matrimonio che elevano il livello di soddisfazione più di qualsiasi altra cosa”, ha affermato la Piña.

Hattabaugh osserva che i media lasciano spesso le coppie con aspettative irrealistiche sull’intimità sessuale. “La nostra cultura ha reso l’atto sessuale una performance”, ha dichiarato. “Abbiamo aspettative irrealistiche sulle posizioni sessuali o sulla durata temporale e molte altre idee false su cosa sia il ‘buon sesso’. Più riuscite a fare da soli, più sarete felici”.

E questo ci porta a quella che gli esperti ritengono sia la cosa più importante quando si parla di avere un rapporto sessualmente soddisfacente nel matrimonio…

4. Concentratevi sulla connessione emotiva e spirituale

Rinunciare al sesso fin dopo il matrimonio sta diventando una nozione datata, spesso scartata come antiquata, antifemminista, spinta dal controllo… Molte persone sostengono che fare sesso aiuti a conoscere meglio il partner prima di prendere un impegno per la vita, ma c’è un aspetto di cui si parla meno relativo alla saggezza psicologica dell’attesa, separato da convinzioni religiose, valori personali o perfino aspetto culturale.

“Quando ci si concentra soprattutto sul sesso, come accade nella maggior parte dei nuovi rapporti, la conoscenza reciproca è inferiore, e molti si sposano senza conoscere le necessità e i desideri reciproci a livello emotivo”, ha affermato Nancy Piña. “Quando i riflettori si allontanano dal sesso, le coppie possono beneficiare del fatto di scoprire la loro vera compatibilità al di fuori di un rapporto fisico, il che determina se la fonte del loro rapporto è l’amore o il desiderio”.

Un’intimità che dura tutta la vita ha ben poco a che fare con il sesso in sé. Riguarda piuttosto il fatto di essere collegati a livello emotivo e spirituale, e questo dovrebbe iniziare durante il periodo del fidanzamento. Un modo per farlo è conoscere davvero il proprio partner prima di percorrere la navata.

“Comprendere come il futuro coniuge processa le informazioni e arriva alle conclusioni relativamente alla vita quotidiana è un marcatore essenziale di compatibilità, visto che l’incompatibilità in questo campo creerà frustrazione e incomprensione”, ha aggiunto la Piña.

Il periodo del fidanzamento è un momento cruciale per far sì che le coppie si concentrino sul loro sviluppo spirituale. Costruire una forte intimità emotiva e spirituale può portare a un’unione solida e duratura.

Per la Piña, “esplorare la vera profondità della fede del coniuge e delle sue convinzioni è un elemento fondamentale per rendere solido il legame matrimoniale. Un matrimonio di successo di basa sulla preparazione e sull’impegno ad affrontare le circostanze della vita insieme”.

Hattabaugh e altri professionisti credono che anche l’astinenza durante il fidanzamento sia un modo importante per rafforzare il matrimonio.

“Distogliere l’attenzione dal sesso permette di parlare di altri aspetti importanti del rapporto e della futura vita insieme, il che può rendere il matrimonio significativamente più solido”, sostiene Hattabaugh.

5. Affrontate la cosa con l’atteggiamento giusto

Una coppia appena sposata dovrebbe pianificare un rapporto soddisfacente a livello emotivo e fisico.

“È molto facile cadere nella routine, permettendo alle esigenze della carriera, dei figli e della vita quotidiana di spingere l’espressione fisica dell’amore alla fine della lista delle priorità”, sostiene la Piña.

Un modo per mantenere l’intimità al centro del matrimonio è iniziare la propria unione con un forte sistema di valori e uno spiccato senso delle priorità.

“Il rapporto più importante al di fuori del rapporto che si ha con il Signore è quello con il coniuge”, ricorda la Piña. “Dio ci ha creati per esprimere amore a livello fisico ed emotivo, ed è il livello di vicinanza che le coppie raggiungono a rafforzare la loro unità”.

“Non si sposa un ‘marito’ o una ‘moglie’, ma una persona”, ricorda Hattabaugh. “Le sue idee saranno diverse delle nostre. Potremmo scoprire che gli stereotipi del matrimonio non si applicano al nostro rapporto”.

Non c’è un modo per prepararsi a un matrimonio profondamente soddisfacente – ogni persona è unica e ha la sua situazione unica, il suo passato, eccetera. Le coppie dovrebbero comprenderlo e avere molta pazienza.

“Un partner avrà probabilmente un livello di desiderio sessuale più elevato dell’altro”, osserva Hattabaugh. “Potrà avere dei confini che non si possono superare. Questi confini possono ampliarsi col tempo, ma solo se si coltiva il rapporto”.

Nel febbraio 2014, papa Francesco si è rivolto in Piazza San Pietro alle coppie di fidanzati che si preparavano al matrimonio. Una coppia della Ciociaria gli ha chiesto come amarsi al meglio nel matrimonio, e il pontefice ha risposto con alcuni suggerimenti utili su come trattarsi con rispetto, dicendo “Grazie” e ricordandosi di dire “Scusa”.

“Vivere insieme è un’arte, un cammino paziente, bello e affascinante. Non finisce quando vi siete conquistati l’un l’altro… Anzi, è proprio allora che inizia!”

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni