Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 26 Febbraio |
Santi Luigi Versiglia e Callisto Caravario
home iconSpiritualità
line break icon

Il padre dell’elettromagnetismo traeva forza dalla preghiera

Pixabay.com/Public Domain

Web católico de Javier - pubblicato il 17/05/16

Ozanam, Ampere e il Rosario

Beato Federico Ozanam, fondatore della famosa Società di San Vincenzo de Paoli, ci dice che la sua fede si è rafforzata dopo aver visto un grande uomo in preghiera. All’età di 19 anni, il famoso scrittore Federico Ozanam è stato mandato dai genitori a studiare all’Università di Parigi. Durante la sua permanenza ha avuto la grande fortuna di incontrare il celebre scienziato André Ampère.

“Un giorno”, racconta Ozanam, “triste e sopraffatto dai miei problemi, sono entrato nella Chiesa di San Esteban per cercare un po’ di conforto. La chiesa, quasi vuota, era in silenzio. Davanti all’altare c’era un uomo umilmente inginocchiato, immerso nella preghiera del Rosario. Avvicinandomi mi sono reso conto che si trattava di Ampere . Dopo aver contemplato un attimo quella scena mi sono ritirato, profondamente commosso e più vicino a Dio”.

Lo scienziato, matematico e fisico di fama mondiale André-Marie Ampère, scopritore dell’elettromagnetismo, era solito rafforzare la propria anima nella preghiera. Il giovane studente ha imparato, con questo ammirevole esempio, come lottare contro gli attacchi delle passioni. Sorpreso da questa dimostrazione di fede, Ozanam ha riaffermato la propria fede vedendo Ampere recitare il Rosario, diventando un uomo dalla profonda fede che ha riempito il mondo con il suo amore.

Ozanam era solito dire che il Rosario di Ampere lo aveva toccato e convinto più di mille sermoni.

Federico Ozanam è nato a Milano il 23 aprile 1813 ed è morto a Marsiglia l’8 settembre 1853. È stata una persona di fede viva e profonda, una figura straordinaria del laicato cattolico.

Marito e padre di una figlia, la sua breve vita è stata piena di preghiera, azione ed impegno cristiano, attraendo e riunendo giovani disposti a confrontarsi con chi, nelle scuole e nelle università, voleva insegnare dottrine anticristiane.

Ha gettato le basi di un nuovo pensiero sociale difendendo la giustizia nei rapporti lavorativi e umani, condannando la schiavitù e rifiutando l’enorme divario tra ricchi e poveri. La sua opera ha teso a sostituire l’elemosina con la giustizia sociale.

Nel 1833, con il solo scopo di evangelizzare attraverso un’approccio personale verso i bisognosi, è stata creata la Conferenza della Carità. Poco dopo questa conferenza e altre sorte successivamente, sotto la protezione della Madonna e il patrocinio di San Vincenzo de Paoli, hanno dato origine alla Società di San Vincenzo de Paoli, istituzione laica al servizio dei poveri.

È considerato uno dei precursori della democrazia cristiana per aver espresso, nel 1830, il seguente concetto: “Ho creduto e credo ancora alla possibilità di una democrazia cristiana, anzi non credo in niente altro in materia di politica“. Ozanam ha condotto un profondo studio in merito al rapporto tra democrazia e cristianesimo perché era preoccupato dall’indifferenza dei cattolici di unirsi alla lotta politica (va detto che nella Francia di quel periodo, il termine “democratico” era visto come sinonimo di anticlericalismo, di ateismo militante e di pseudo-liberalismo. Ha portato avanti l’idea che non solo la carità fosse necessaria, ma che addirittura fosse urgente la sua istituzionalizzazione accompagnata da un nuovo fattore: la democrazia. Dopo i suoi studi, Ozanam ha fondato un movimento politico che ha avuto una breve durata d’azione a causa del colpo di stato che ha portato al governo Luigi Napoleone nel 1851.

È morto molto giovane, ma dopo un secolo e mezzo è ancora vivo il suo approccio sociale e la sua testimonianza evangelica. Possiamo riassumere la sua vita in tre parole: preghiera, lavoro e impegno, tre principi permanenti nella concezione di cristianesimo che Ozanam ha saputo vivere e trasmettere.

Il 22 agosto 1997 è stato beatificato da Giovanni Paolo II nella cattedrale di Notre Dame a Parigi.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
madonnasanto rosariospiritualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
3
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
MUM, HUG, CHILD
Annalisa Teggi
Mamma si suicida insieme al figlio, ma lo salva con l’ultim...
6
FAUSTINA
don Marcello Stanzione
I Cherubini e l’Inferno: le visioni degli angeli di santa Faustin...
7
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni