Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Cultura

Se faccio musica voglio che abbia uno scopo

The Josh Blakesley Band - pubblicato il 13/05/16

Hope Comes Alive

Riesci a sentire l’oscurità tremare?

Noi di Cecilia consideriamo l’artista Josh Blakesley essere un vero e proprio veterano: con quattro album realizzati, ha suonato con i nomi più grandi della musica cristiana, e ha persino suonato in diversi eventi internazionali presieduti dal Papa.

L’ultimo video realizzato dalla band è quello della canzone “Hope Comes Alive”. Considerando la grande esperienza di Blakesley nel ministero, abbiamo voluto scambiare alcune parole con lui e chiedergli qualche domanda sul tema della speranza:

Josh, nella tua canzone dici che “è qui che la speranza diventa vivente”. A cosa ti riferisci?

Al momento in cui il popolo di Dio si riunisce insieme. “Dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro” (Mt 18:20). Quando ci riuniamo per essere parte del regno di Dio, è lì che la speranza diventa vivente.

È stata scritta come canzone per riunirsi. Abbiamo pensato: “Come possiamo catturare quel momento? Come possiamo attirare le persone in quel momento?” E ovviamente questo è un principio applicabile specialmente all’Eucaristia.

In questa generazione di cattolici ci sono molte persone scoraggiate. Cosa ne pensi, partendo dalla tua esperienza con loro nelle conferenze e nei ritiri? Vedi motivi per sperare?

Hanno ragione. Ci sono molte cose per cui essere preoccupati. San Giovanni Paolo II ci ha detto “Non abbiate paura”, e oggi noi abbiamo bisogno di questo messaggio. Ci vuole una buona dose di coraggio per affrontare i nostri amici e le nostre famiglie e dire ad alta voce ciò in cui crediamo.

Ma vedo molte cose che fanno sperare. Ogni volta che partecipo a una conferenza o a un ritiro, vedo vite trasformate. Qui in Louisiana organizziamo un ritiro su base regolare. Molti degli adulti che vengono sono così rigidi. Vengono da noi e incontrano Dio per la prima volta. Vivono una piena comunione con Dio e realizzano cosa significa essere parte della Chiesa. È di grande ispirazione.

Dio non sonnecchia, ma cerca ognuno di noi. Lui vuole avere una relazione con noi.

Mi hai accennato della tua conversione, avvenuta a 15 anni. Com’è stato? E che ruolo ha svolto la speranza in tutto ciò?

Quando avevo circa 15 anni, ho avuto un’illuminazione. Suonavo in una rock band, venivamo pagati per fare concerti nelle discoteche, fino a tardi. Una notte era molto tardi, forse l’una o le due (l’ora in cui i locali diventavano beceri), e stavo suonando la mia batteria. Tutte le persone che guardavo avevano un’aria davvero miserabile. Persone che cercavano la felicità nel fondo di un bicchiere, nelle discoteche. È qualcosa di così fugace, che ci porta a un punto in cui non ci si diverte neanche più. Lo fanno solo perché “devono”. Ho visto persone incatenate a quei bicchieri, a quelle bottiglie. Tanta disperazione. Quella notte ho pensato: “Se questa è la musica, non voglio più averne a che fare”.

Il punto di rottura è stato quando una mia amica intima è morto a causa di un incidente in cui l’autista era ubriaco. Al suo funerale mi sono reso conto di dover trovare un scopo e un significato in ogni cosa che faccio. Se sto suonando in una discoteca per delle persone che provano a trovare la felicità in una bottiglia… non è il caso. Se suono, voglio che abbia uno scopo. E che abbia uno scopo per Lui. Mi sono girato, ho lasciato la band e ho iniziato a suonare con le persone nel mio gruppo giovanile. E da allora non mi sono più guardato indietro.

“Hope Comes Alive” è parte dell’ultimo album della Josh Blakesley Band’s, Even In This, disponibile su iTunes.

Libby Reichert

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
adorazioneCeciliaevangelizzazionemusica cristianasperanzatestimonianze di vita e di fede
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni