Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Luglio |
San Pietro Crisologo
home iconvaticano notizie
line break icon

A due passi dal Bataclan una piazza per Tibhirine

Vatican Insider - pubblicato il 13/05/16

Una piazza a Parigi per i monaci di Tibhirine. Una piazza con un giardino verde, come i campi intorno al monastero trappista sulle montagne dell’Atlante, in Algeria, dove i sette religiosi vennero rapiti e poi uccisi vent’anni fa, divenendo uno dei volti più significativi del martirio del nostro tempo.

Con questo gesto il prossimo 30 maggio la capitale francese fisserà in un luogo ben preciso la memoria dei monaci di Tibhirine. La cerimonia avverrà alla presenza del sindaco Anne Hildalgo e dei familiari dei religiosi uccisi. E si terrà proprio nell’anniversario del giorno in cui nel 1996 si ebbe conferma della loro morte, con il macabro ritrovamento delle loro teste sgozzate, tuttora unica parte del loro corpo rinvenuta e sepolta nel piccolo cimitero del monastero in Algeria.

A rendere del tutto particolare la scelta di Parigi è però soprattutto un dettaglio: la piazza scelta per onorare i monaci di Tibhirine è quella davanti alla parrocchia di Saint Ambroise, che si trova nell’XI arrondissement; vale a dire proprio in uno dei due quartieri sfregiati lo scorso 13 novembre dagli attacchi jihadisti al cuore della Francia. Lo stesso Bataclan – il teatro diventato l’epicentro della tragedia – si trova a poco più di 500 metri di distanza da quello che tra pochi giorni diventerà il «Giardino dei monaci di Tibhirine». A sottolineare questa vicinanza è stato lo stesso sito internet del monastero che, anche dopo la morte dei monaci, è rimasto in questi anni un luogo frequentato dai cristiani d’Algeria. «Nonostante la guerra civile che insanguinava l’Algeria negli anni Novanta, questi uomini di Dio avevano compiuto la scelta di restare nel loro Paese d’adozione per la fraternità che li legava ai musulmani – vi si legge -. Ed è il motivo per cui hanno donato la loro vita, hanno incarnato l’amicizia, l’apertura e il dialogo come risposta ai drammi che vive oggi la nostra società».

La stessa amicizia che proprio in queste ore la Chiesa d’Algeria sta ricordando anche attraverso il volto di un altro suo martire: il vescovo di Orano Pierre Claverie, ucciso anche lui in quello stesso tragico 1996. Venne colpito il 1° agosto mentre rientrava nella sua abitazione dopo essere andato a incontrare il ministro degli Esteri francese per spiegare la sua scelta di restare in Algeria. Una bomba lo fece saltare in aria insieme al suo autista musulmano Mohamed Mouchikhi, arrivando a mescolare il loro sangue. Altro segno potente di un legame che lo stesso odio degli islamisti finì indirettamente per testimoniare. Ad Orano è in corso oggi e domani un simposio al quale, insieme all’attuale vescovo Jean Paul Vesco, sono presenti l’arcivescovo emerito di Algeri Henri Teissier (protagonista di quegli anni sofferti) e lo cheikh musulmano Khaled Bentounes. Inoltre verrà proposta anche ad Orano l’opera teatrale «Pierre et Mohamed», dedicata proprio all’amicizia tra il vescovo Claverie e il suo autista musulmano; un dialogo scenico che – proprio come il film Uomini di Dio – in Francia è divenuto un’opera simbolo con oltre 600 rappresentazioni in questi anni.

Il vescovo di Orano fu l’ultimo dei 19 martiri – religiosi e religiose – pianti dalla Chiesa di Algeria nel tragico biennio tra il 1994 e il 1996. Per tutti loro (monaci di Tibhirine compresi) è in corso un unico processo di beatificazione intitolato a «Pierre Claverie e i suoi 18 compagni». Aperto nel 2007 e concluso l’esame diocesano, l’indagine sul loro martirio si trova ora nella fase romana alla Congregazione delle Cause dei santi.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni