Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come dominare la rabbia anziché farsene dominare

Condividi
La rabbia è un sentimento che spicca per il suo grande potere, che destabilizza l’armonia familiare, lavorativa o sociale, oltre ai danni che può provocare alla salute fisica ed emotiva. Nonostante questo, la rabbia si può controllare. Un cambio di atteggiamento, sforzo e forza di volontà possono impedire che prenda il sopravvento.

La rabbia è la risposta di adattamento del nostro organismo nei confronti di qualcosa che ci dà fastidio. Arrabbiarsi in modo sporadico è naturale nel comportamento umano. L’aspetto negativo è quando diventa un sentimento frequente e predominante, che reprime la gioia della vita e deteriora i rapporti con gli altri.

Gli effetti della rabbia

La rabbia è un’emozione così potente che può influire seriamente anche sul corpo quando si verificano episodi di ira. Segnali che si osservano in genere come il volto arrossato, le vene pulsanti, gli occhi in fuori, i pugni e i denti stretti dimostrano che tutto il sistema nervoso agisce insieme.

Gli studi scientifici affermano che questo sentimento suscita forti cambiamenti nel sistema nervoso autonomo, che a sua volta controlla la risposta cardiovascolare e il sistema endocrino, provocando uno stato mentale assai negativo e alcuni cambiamenti nell’attività cerebrale.

Quanto agli affetti sociali, non c’è bisogno di grandi spiegazioni per rendersi conto del fatto che una persona che si arrabbia spesso è poco gradita in un gruppo. I danni provocati dall’aggressività nei legami affettivi sono devastanti, e non stupisce, perché una persona arrabbiata influisce in modo immediato e quasi inevitabile sul proprio ambiente.

La rabbia non è da nessun punto di vista un sentimento che contribuisce al benessere umano.

Cosa origina la rabbia?

Scoprire la causa della rabbia è un primo passo per sconfiggere questo sentimento che a volte diventa abitudine.

Arrabbiarsi spesso e intensamente può essere la manifestazione di altri sentimenti. Ecco i più comuni:

Insicurezza – paura che gli altri scoprano che non si ha quella perfezione che si vuole trasmettere o timore del fallimento di fronte a certe sfide.

Gelosia o invidia – quando c’è una minaccia latente che mette in pericolo qualcosa di importante.

Dipendenza – legata al desiderio di pretendere che tutto ruoti intorno a noi, una cosa logicamente insostenibile.

Paura – di fronte a una situazione che genera incertezza, ansia e nervosismo.

Come dominarla anziché farsene dominare

Imparare a gestire la rabbia è possibile. Sforzo e volontà sono le chiavi per frenare l’aspetto distruttivo che provoca questo sentimento, e ci sono alcuni suggerimenti da seguire per riuscirci.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.