Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Il demonio ci dice: “Non pregare, nasconditi, non puoi presentarti così davanti a Dio”

web-hide-street-urban-bw-dragan-cc

Dragan-CC

Portaluz - pubblicato il 12/05/16

Toccando il fatto di essere figli di Dio

“Il demonio è intelligente e ci dice: ‘Non pregare, nasconditi, non puoi presentarti così davanti a Dio’…”

Le riflessioni di Jacques Philippe, sacerdote della Comunità delle Beatitudini, fanno venir voglia di pregare, vivendo ogni istante nella certezza che il Signore è con noi e sostenendo la nostra inesauribile sete di Lui, unico Dio.

“La libertà interiore”, “Chiamati alla vita” o “Tempo per Dio” sono alcuni dei libri di riferimento necessari per conoscere la spiritualità che ha modellato l’anima di Jacques Philippe, che il 30 aprile scorso ha guidato un ritiro e ha pronunciato un intervento a Barcellona (Spagna).

“Anche se forse non si vede”, ha affermato, “molta gente sente oggi la chiamata dello Spirito alla preghiera, e quando si entra in questo cammino – un cammino di fedeltà non sempre facile – le conseguenze sono molto positive”.

Che tipo di conseguenze?

Mi riferisco ai frutti… Se restiamo fedeli alla preghiera, a poco a poco diventiamo più tranquilli, più delicati, più attenti agli altri: comunichiamo la pace di Dio. Poi ci sono i santi, che grazie alla preghiera sono riusciti a realizzare grandi opere d’amore all’inizio impensabili.

Qual è una “buona preghiera”?

Quella che ci fa trovare Dio e a poco a poco ci trasforma interiormente. Gli atteggiamenti essenziali sono tre: la preghiera dev’essere un atto di fede, di speranza e d’amore.

Una volta stabilito questo primo contatto cosa sente?

Grazia alla preghiera si può arrivare a sentire – a percepire a livello sensibile – la presenza di Dio, la sua tenerezza e la sua gioia. Non capita sempre, ma è bello quando succede. Anche se la preghiera non è ovviamente una semplice esperienza sensoriale, è vero che spesso non valorizziamo i sentimenti e restiamo su un piano più freddo, più intellettuale.

Si può entrare in contatto con Dio anche in questo modo?

Sì, a volte, ma bisogna tener presente che la preghiera come atto di fede non si basa né sui sentimenti né sull’intelletto.

E su cosa, allora?

Ci sono momenti in cui cerchiamo sinceramente Dio, pieni di buona volontà, ma Dio non risponde a tutte le domande. In ogni vita cristiana ci sono momenti di grande luce e momenti di siccità. In questi momenti bisogna ricordare sempre una cosa.

Cosa?

Che né la sensibilità né l’intelligenza sono la base del rapporto con Dio: è la fede, dirgli “Signore, non sento molto e vorrei comprendere tutto, ma anche così credo con tutto il cuore che tu sia qui”… Con il tempo si vedranno i frutti.

Parlava anche del fatto che la preghiera dev’essere un atto di speranza. In che senso?

Se prego è perché so di aver bisogno di Dio, spero da Lui la salvezza che non posso darmi da solo, spero da Lui la sua grazia, il suo amore e la sua misericordia… Questo è importante, perché paradossalmente la preghiera a volte è un cammino di povertà.

Quale?

Più entriamo nella luce di Dio, più vediamo la nostra miseria, i nostri limiti, la nostra durezza di cuore… Non è piacevole, ma è positivo per essere umili, perché solo quando conosciamo una malattia possiamo curarla.

Ma allora la preghiera diventa scomoda, no?

Appare tutto il negativo che c’è nella nostra vita, e per questo molta gente ha paura della preghiera, paura del silenzio, della solitudine. Abbiamo paura di trovare noi stessi. È lì che è importante la pratica della speranza.

Come si pratica la speranza?

È molto semplice: ti metti davanti a Lui e gli dici: “Signore, sono davanti a te come un povero, vedo tutti i miei peccati e la mia fragilità, ma non è un problema perché Tu sei la mia speranza. È da te che attendo la mia salvezza, Signore. È da te che attendo la grazia che potrà curarmi, purificarmi e trasformarmi”. È un atto di speranza, un atto di umiltà in cui smetti di metterti al centro, riconosci i tuoi limiti e li accetti riponendo la tua fiducia in Dio. Lasci che Egli sia la tua roccia.

Non sembra facile…

Si dice che Gesù disse al re San Luigi: “Vorresti pregare come un santo? Ti invito a pregare come un povero”. Se entriamo in questo atteggiamento di umiltà e speranza, Dio verrà rapidamente a consolarci e ci darà la pace. A volte tarda un po’, ma Dio è fedele: come dice la Sacra Scrittura, “un povero ha gridato e Dio ascolta”. È una cosa che vediamo spesso nella Bibbia: la preghiera che Dio ascolta – quella tocca il Suo cuore e trasforma chi la compie – non è quella del fariseo, ma quella del povero che grida al Signore dal profondo, come il pubblicano inginocchiato in fondo al tempio. È la potenza che c’è nella speranza; se speriamo tutto da Dio, anche se dobbiamo passare per la porta stretta, Egli ci darà tutto, perché è sempre fedele.

Il terzo punto che menzionava era la preghiera come atto d’amore…

Sì. Dare a Dio ogni giorno mezz’ora – il tempo ovviamente è importante perché è la nostra vita – è un autentico atto d’amore.

Ma non tutti hanno mezz’ora al giorno per Dio…

Si tratta di riservare un momento della giornata e di consacrarlo a Dio.

Ci sono momenti in cui, però, si può dubitare di Dio. Qual è il motivo, secondo lei? Il peccato?

Non credo che il peccato ci allontani sempre dalla preghiera. Spesso è il contrario: ci obbliga a pregare. Dio si serve di tutto: quale direbbe che sia il peccato più grave?

Non lo so…

Non è il fatto di essere peccatore che mi allontana da Dio. Se io piango per il mio peccato e mi getto tra le braccia di Dio, quello che era un peccato diventa una grazia. Più sono peccatore, più devo pregare. Il demonio è molto intelligente, a volte cadiamo e ci dice: “Non pregare, nasconditi, non puoi presentarti così davanti a Dio, sei troppo orribile”. E proprio per questo dobbiamo pregare. Dove posso curarmi se non tra le braccia di Dio?

Dev’essere sempre meno una preghiera di pensiero, di testa, e sempre più una preghiera di cuore, che si apre a Dio, in un’apertura e in un abbandono che fanno sì che la preghiera sia profonda.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
diavolopeccatopreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni