Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 27 Luglio |
Santi Gioacchino e Anna
home iconArte e Viaggi
line break icon

Il pretzel è cattolico e ha 1400 anni

Daniel R. Esparza - pubblicato il 11/05/16

In origine erano chiamati “pretiolas” o “bracellae”

pretel medioevo

Un pretzel all’Ultima Cena? Lo si può osservare in più di un manoscritto. Questo è il foglio 80 del Lezionario dell’Abbazia di San Pietro, custodito a Salisburgo (Austria).

Secondo la tradizione, i pretzel sono stati inventati da monaci italiani – e quindi non sarebbero tedeschi come si crede – all’inizio del VII secolo.

I monaci davano ai novizi e ai bambini questi curiosi intrecci di pasta cotta con sale che ricordano in qualche modo le braccia incrociate, un atteggiamento classico della preghiera monastica.

Questi cibi vennero chiamati “pretiolas”, che in latino significa “piccoli premi”, “piccole ricompense” per i bambini che riuscivano a memorizzare correttamente le preghiere.

Altri suggeriscono che il nome latino fosse “bracellae” (“piccole braccia”), poi diventato “brezel”, come si legge su uCatholic.

Considerati da molti un classico della Quaresima perché fatti solo di farina, acqua e sale, senza uova né latte, i pretzel hanno per tradizione anche un altro significato spirituale: i tre spazi vuoti al loro interno rappresenterebbero la Santissima Trinità – Padre, Figlio e Spirito Santo.

I pretzel si sono poi diffusi nel resto dell’Europa, dove hanno iniziato ad essere usati anche come un simbolo di una vita lunga e prospera, essendo un modo facile, economico e gustoso di riempirsi lo stomaco.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni