Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconArte e Viaggi
line break icon

Le rovine dei grandi monasteri inglesi

Gavin-S-CC

Daniel R. Esparza - pubblicato il 10/05/16

La testimonianza silenziosa di un conflitto politico riempie il paesaggio dell'Isola

È stato Thomas Cromwell ad aver trasferito, attraverso due risoluzioni del Parlamento (una del 1536 e l’altra del 1539), la proprietà di monasteri, chiese e altri beni della Chiesa cattolica in Inghilterra alla Corona inglese.

Innumerevoli manoscritti, biblioteche e opere d’arte vennero chiusi o divisi tra gli alleati politici di Enrico VIII.

Ma perché Enrico VIII si impossessò direttamente dei monasteri? Secondo quanto ha dichiarato la storica Stephanie Mann in un’intervista al sito ChurchMilitant, fondamentalmente per due motivi: denaro e potere.

Rovine del Monastero di Glastonbury

Confiscare i terreni e gli edifici dei monasteri concesse a Enrico VIII una ricchezza straordinaria senza bisogno di ricorrere a misure impopolari come l’aumento delle imposte. Oltre a questo, avrebbe eliminato l’influenza del papato sulla Corona inglese, dando praticamente libertà d’azione assoluta.

Il nord dell’Inghilterra, in particolare, non accolse volentieri la misura e si ribellò contro la Corona – il famoso “Pellegrinaggio di Grazia”.

Considerando che i monasteri erano la fonte principale di sostentamento di varie zone, visto che offrivano lavoro e carità alle comunità dei dintorni, non avrebbe potuto essere altrimenti.

Le rovine dei corridoi del chiostro del Monastero di Fountains

La Corona rispose con violenza, imprigionando i capi della rivolta.

Oggi il paesaggio inglese mostra le rovine dei grandi monasteri dell’Inghilterra cattolica, testimonianza di quella che in alcuni momenti fu la pietra d’angolo di più di un Rinascimento.

Tags:
arte cristianamonasteri

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
6
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
7
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni