Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
San Francesco Saverio
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

“Così abbiamo censurato le notizie scomode su Facebook”

Aleteia - pubblicato il 10/05/16

Le confessioni di alcune persone che hanno lavorato nel team delle Trending News del famoso social network

“Una delle idee più sottili e pericolose è la convinzione che internet e i suoi canali principali siano neutrali. Immagino che vi stiate scaldando dicendo che è una cosa ovvia”, scrive Garrett Johnson su Catholic Link, “ma penso che molte persone, tra cui molti cattolici, continuino ad assorbire una grande quantità di informazioni senza applicare alcun filtro”.

Gizmodo, per esempio, ha appena pubblicato alcune testimonianze di ex collaboratori di Facebook che trovate in questo VIDEO.

Chi lavora per Facebook ha eliminato su base regolare le storie di interesse dei lettori conservatori dalle trending news del social network, stando a quanto detto da un ex giornalista che ha lavorato al progetto. Questa persona ha dichiarato che i collaboratori hanno impedito alle notizie relative a politici di destra quali Mitt Romney e Rand Paul, così come anche altre questioni affrontate da un’ottica conservatrice, di comparire nelle sezioni più influenti. Per dirla in parole povere, quando c’è qualcosa che fa tendenza su Facebook, bisognerebbe aggiungere la frase “secondo gli editors di Facebook”.

C’è un problema di fondo nell’impostazione del lavoro del team dei curatori delle notizie. Queste persone “scrivono il titolo per ciascuno dei temi, oltre ad una sintesi della notizia in tre righe. Infine scelgono un’immagine o un video da allegare”. L’ordine è di scrivere titoli neutri, di tendere a usare contenuti già presenti su Facebook e di scegliere fonti selezionate (in modo soggettivo). I curatori hanno anche la facoltà di “inserire in una lista nera gli argomenti o i trending topic poco funzionali”, senza però giustificare il motivo della cancellazione. Nessun automatismo dunque, ma una scelta accurata e influenzata da vari fattori.

Facebook tende a escludere ciò che non rientra nei propri progetti e/o interessi:

“A seconda di chi era la persona coinvolta, uno stesso argomento veniva spinto oppure messo nella lista nera”, ha dichiarato l’ex collaboratore, che ha chiesto di rimanere anonimo, temendo di ripercussioni da parte dell’azienda. Su Catholic Link si apprende che questa persona è politicamente conservatrice, uno dei pochi lavoratori ad avere questi punti di vista nel team in cui ha lavorato. “Ho scoperto che il CPAC, Mitt Romney, Glenn Beck o altri argomenti popolari di stampo conservatore non sarebbero stati messi in evidenza. O perché il curatore non riusciva a notare la notizia, oppure perché c’era un pregiudizio verso Ted Cruz”.

Un suo ex collega si è detto d’accordo sul fatto che il team ha avuto un’avversione alle fonti schierate politicamente a destra. “Un puro e semplice pregiudizio. Abbiamo agito soggettivamente. Tutto dipende da chi è il responsabile e dal momento della giornata”, ha dichiarato l’ex collaboratore. “Ogni tanto spuntava una notizia riguardante uno Stato tendenzialmente repubblicano o proveniente da una fonte conservatrice. Ma il nostro compito era quello di cercare la stessa notizia da un’altra fonte, ritenuta più neutrale e verso la quale non ci fossero tanti pregiudizi”.

  • 1
  • 2
Tags:
facebook
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni